IPT Campione d'Italia: Vince Manlio Iemina

4471a87c1

Sbaragliata la concorrenza di altri 282 giocatori, Iemina si porta a casa ben 170.000 franchi svizzeri.

Non sarà come vincere il Big One for One Drop e guadagnare in un sol colpo quanto un italiano medio potrebbe incamerare in un centinaio di vite, ma la soddisfazione di sollevare la picca italiana, e di aggiungere 170.000 franchi svizzeri (oltre 140.000 euro) al proprio conto in banca, non è certo da sottovalutare. Chiedere per conferma a Manlio Iemina, che nella tarda serata di ieri ha conquistato l'IPT di Campione d'Italia, superando nell'heads-up decisivo, durato circa due ore, un combattivo Stefano Terziani.

Pronti via e… non succede davvero nulla. Il gioco stenta a decollare, tanto che ci vogliono addirittura due ore per vedere ammainarsi la prima bandiera. È quella del cinese Zhiping Zeng, che saluta tutti all'ottavo posto: fatale un uno-due terrificante, inflitto all'asiatico da Manlio Iemina prima e Fabrizio Ortolomo poi. Una posizione più in alto troviamo uno spento Paolo Compagno, fatto metaforicamente fuori da Manlio Iemina: per lui una giornata grigia, nella quale non è riuscito a trovare lo spunto decisivo.

Rimasti in sei, il gioco si fa nuovamente chiuso. Passa ancora parecchio tempo prima di assistere al successivo player out: stavolta è l'austriaco Ivo Donev, uno dei favoriti della vigilia, a dover abbandonare ogni sogno di gloria. Protagonista assoluto diventa Stefano Terziani, che si prende cura non solo di Donev, ma anche di Iacopo Brandi, relegato a un pur ottimo quinto posto, e di Alain Medesan, che chiude ai piedi del podio.

Al terzo posto chiude Fabrizio Ortolomo, che aveva cominciato la giornata con lo stack più grosso di tutti. Ortolomo ha giocato un poker molto sparagnino, e come spesso accade in questi casi, quando ha provato a spingere ha trovato l'avversario messo meglio di lui: nella mano che lo ha eliminato, infatti, è andato all-in con A-4, trovando però la pocket pair di donne di Iemina.

Proprio l'avvocato cuneese ha cominciato così l'heads-up con un leggero vantaggio su Terziani. Il quale, va detto, ha venduto cara la pelle ed è anche stato un po' sfortunato. Ma Iemina era in credito con la fortuna, dato che già una volta era arrivato secondo in una tappa dell'Italian Poker Tour. La mano decisiva ha visto Iemina e Terziani sfidarsi rispettivamente con A-5 e A-J: un 5 al river, dopo un board bianco, ha ridotto Stefano con le briciole. Nell'ultima mano del torneo il K-8 di Iemina ha superato il Q-5 di Terziani.

Questo l'esito dell'IPT di Campione d'Italia:

1- Manlio Iemina 170.000 CHF
2- Stefano Terziani 110.000 CHF
3- Fabrizio Ortolomo 65.000 CHF
4- Alain Medesan 50.000 CHF
5- Iacopo Brandi 32.500 CHF
6- Ivo Donev 25.500 CHF
7- Paolo Compagno 19.000 CHF
8- Zhiping Zeng 14.625 CHF

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti