Il poker nei videogiochi: “GOP”, “Far Cry” e i trucchi per vincere sempre

far cry poker

I puristi del Texas Hold ‘em potranno anche storcere il naso. Ma dovranno ammettere che il matrimonio tra poker e videogiochi ha generato anche prodotti di qualità, come dimostra peraltro questa breve carrellata di giochi che hanno avuto successo commerciale.

Un esempio è fornito dallo storico “Governor of Poker”, ormai giunto alla quarta edizione (gli utenti hanno dimostrato di apprezzare anche la versione mobile del gioco). In “Governor of Poker” i partecipanti sono invitati a girare i locali del Texas alla ricerca di nuovi sfidanti sempre più difficili da battere (nell’ultima versione sono disponibili 7 diverse varianti di poker, oltre ad altri giochi di casinò).

Con il denaro vinto nei tornei i giocatori di GOP4 hanno la possibilità di acquistare proprietà e mezzi di trasporto, utili per muoversi tra una città e l’altra. Lo scopo di tutto, spiegano gli sviluppatori di Youda games, è arrivare a governare l’intero Texas.

governor of poker

“Governor of Poker” deve probabilmente parte del suo successo al fatto che i giochi d’azzardo non sono quasi mai consentiti all’interno di mondi virtuali come “Second Life” (ma il poker è un gioco d’azzardo?). “GOP” potrebbe quindi aver intercettato il bisogno dei giocatori di poker di avere un “loro” mondo virtuale.

Le app per smartphone

Parlando invece delle applicazioni per smartphone meritano di essere menzionate “Pineapple poker” e “Far Cry 4 Arcade Poker”, che ripropone una sorta di gioco del Tetris con le carte da gioco e le stesse combinazioni del poker. Quest’ultimo prende le mosse dal celebre sparatutto in prima persona “Far Cry”.

(qui trovi le migliori Poker App per Android del 2015)

 

Jason il guerrigliero pokerista

Nella versione numero 3 di “Far Cry”, uscita in Italia nell’autunno 2012, il protagonista Jason Brody è invitato in più occasioni a mettere a dura prova le sue qualità fisiche e intellettive, anche attraverso partite di poker con nemici o indigeni. Il videogioco è ambientato nell’arcipelago malese delle Rook Island, dove lo studente Jason si trova in vacanza insieme ad amici. Presto Jason sarà catapultato in una serie di avvenimenti che lo trasformeranno in un guerrigliero abile nel corpo a corpo come nei combattimenti a distanza.

Poker Far Cry 3

Per quanto riguarda le partite a poker su “Far Cry 3”, scrive Arthur Crowson su Pokerlistings.com, è piuttosto facile vincere se si conoscono i fondamentali del Texas Hold ‘em. Per i più pigri, rivela Crowson, “c’è tuttavia anche una scorciatoia che consente di disporre di quanto denaro si vuole”. Il giornalista, però, consiglia di trascorrere un po’ di tempo sui tavoli verdi virtuali di FC3 perché ne vale la pena.

Gioco automatico

La prima partita a poker su FC3, in realtà, si svolge in modo automatico. Il giocatore non ha la possibilità di far nulla per cambiare la propria sorte al tavolo, in quanto si tratta di un breve inserto animato che si incontra alla fine del livello. Le partite di poker in FC3 si svolgono il più delle volte sul retro di qualche bar: gli avversari sono sovente tipi poco raccomandabili dal grilletto facile, ai quali non piace essere contraddetti.

A Volker non piace perdere

Uno di loro è il cattivo Hoyt Volker il quale, al termine di una mano sfortunata, uccide l’agente infiltrato Sam e stacca un dito al protagonista, per poi sfidarlo in un combattimento con il coltello.

Far Cry

Alcuni hanno osservato che per quanto riguarda il poker in “Far Cry 3” l’azione di gioco è estremamente lenta se raffrontata con quella di un moderno sito di poker online, anche se forse non si tratta di un paragone appropriato. Gli altri avversari al tavolo generalmente tendono a chiamare con una certa frequenza: ognuno di loro si differenzia dagli altri per qualche particolarità. Si consiglia di utilizzare uno stile “tight aggressive” mano a mano che cresce la difficoltà del gioco, aspettando di avere in mano almeno una coppia per chiamare. Il premio “Poker bully” è riservato a coloro che riescono a vincere più di 1500 dollari.

Un escamotage vecchio come il cucco

Se nonostante tutto, come dice un famoso spot pubblicitario, ci piace vincere ancora più facilmente (in altre parole imbrogliare) c’è un escamotage vecchio come il cucco. Basta salvare il gioco poco prima della mano e quindi andare in “All-in”. Se perdiamo, possiamo sempre riprendere il gioco da dove l’avevamo salvato.

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti

×

Sorry, this room is not available in your country.

Please try the best alternative which is available for your location:

Close and visit page