Guida all’8 Game – Come imparare otto giochi e vincere

Mizrachi Poker Players Championship

Vuoi giocare contro cattivi giocatori che conoscono a malapena le regole? Allora dai una chance all’8 Game! Impara le regole e la strategia di base di tutti i giochi.

Durante l’era dorata del poker si potevano vincere soldi giocando a Texas Hold’em semplicemente conoscendone le regole, il valore delle mani e una strategia di base.

I giocatori con minore esperienza giocavano con ogni sorta di mano, e vincere era facile come portare via le caramelle a un bambino se si era capaci di giocare un poker quantomeno decente.

Ora le cose sono cambiate. Gran parte dei giocatori impegnati nel poker online sono molto solidi e raramente commettono errori, e anche nel Pot Limit Omaha è difficile trovare giocatori scarsi.

È ancora possibile trovare una specialità nel poker dove è possibile giocare divertendosi e magari vincendo del denaro più facilmente? Per farlo, potresti dare una chance all’8 Game.

Come suggerisce il nome, è un gioco che contiene otto diverse varianti del poker, e se sarai in grado di imparare le regole e una strategia di base per ciascuno di essi avrai maggiore edge rispetto alla maggior parte dei tuoi avversari.

Specialmente durante eventi come le Micro Series troverai giocatori decisamente deboli che decidono di giocare gli eventi in 8 Game per divertirsi.

Per dare un ulteriore incentivo alla tua conoscenza dell’8 Game, diciamo che diventare bravo in tante specialità ti renderà ovviamente un giocatore migliore. Quindi perchè non provare?

Cos’è l’8 Game e dove giocarlo

thumbnail 97b83f09

Attualmente PokerStars è l’unica room che consente di giocare 8 Game. I field dei tornei non sono ovviamente grandi come quelli di Texas Hold’em e Omaha ma ci sono tanti accostamenti con altre varianti, anche perchè chi ci gioca per ora lo fa prettamente per divertirsi.

L’8 Game è un gioco che prevede sei giocatori al tavolo. Le specialità sono le seguenti:

  • Limit 2-7 Triple Draw
  • Limit Hold’em
  • Limit Omaha Hi-Lo
  • Limit Razz
  • Limit Seven Card Stud
  • Limit Stud Hi-Lo
  • No-Limit Hold’em
  • Pot-Limit Omaha

Quando giochi i tornei online, la variante cambia dopo un certo periodo di tempo prestabilito. Nei tornei live, invece, si cambia dopo un’intera orbita.

Strategia di base per l’8 Game

È molto semplice: si imparano le regole di tutte le varianti. Se riuscirai a farlo, sarai già più forte di gran parte dei giocatori presenti ai tavoli.

Ai livelli più bassi troverai giocatori abili in una o due varianti, ma pessimi in tutte le altre. Tenderanno ad overplayare brutte mani, sarà facile giocare con gente del genere che non conosce le regole. Ad esempio, non tutti sanno che l’asso è una carta bassa nel Razz, ma non nel 2-7 Triple Draw.

Se sei un novizio del gioco, ti consigliamo di restare concentrato e soprattutto di non aprire tanti tavoli contemporaneamente. Anche perchè, essendo una variante che si gioca 6-handed, giocherai tante mani per fare pratica.

Detto questo, è sempre una buona idea quella di giocare tight e sfruttare le migliori mani possibili di ciascuna variante. Altrimenti, se riuscirai ad individuare giocatori deboli al tavolo puoi sfruttare le loro debolezze per trarne vantaggio.

In particolare, in specialità come Razz, Stud e 2-7 Triple Draw si possono avere delle ottime indicazioni sulle carte a disposizione dei tuoi avversari, e quindi ottenere dei benefici più facilmente.

Molte varianti sono in modalità Limit, quindi è difficile bluffare. Gioca il più possibile con mani forti, anche perchè spesso giocatori così deboli giocheranno con mani peggiori della tua. Specialità come Razz e Stud consentono di vedere parte delle mani avversarie, il che è sempre un bel vantaggio.

In un gioco in cui è difficile bluffare, è altrettanto difficile subire dei bluff. Perciò, in una mano in cui ritieni di non avere un punto così forte, è sempre meglio optare per il fold.

Ovviamente è fondamentale essere un buon giocatore in tutte le varianti, ma lo è ancor di più esserlo nel No Limit Hold’em e nel Pot Limit Omaha. Queste sono le varianti che spostano il maggior numero di chip a causa di puntate molto alte, pertanto cerca di restare tight anche in queste due varianti.

In breve: essere tight è corretto nell’8 Game, è meglio individuare le mani migliori di ciascuna variante e provare a sfruttarle al meglio. Folda le brutte mani e bluffa con prudenza.

Andiamo ora a presentarvi la strategia di base per ciascuna variante.

Limit 2-7 Triple Draw

thumbnail e07880a6

Regole di base

Tutti i giocatori hanno a disposizione cinque carte, l’obiettivo è ottenere la peggior combinazione di carte che non preveda scale o colori. Anche avere una coppia gioca contro di te. La miglior mano possibile è 7-5-4-3-2 off-suited.

Dunque avere una buona mano non aiuterà, ma potrai comunque cambiare tutte le carte che vorrai nei tre turni di puntate.

Strategia di base

La tua mano di partenza è molto importante. Una buona dritta è quella di foldare una mano che non presenti almeno tre carte diverse e tutte con un valore inferiore a 9. Puoi giocare la prima strada se ne avrai almeno due comprese tra il 3 e il 7.

Le carte sopra all’8 possono essere cambiate, potrai avere una buona chance di vincere se avrai un 9 come carta più alta. È consigliato di puntare sempre se si ha una bella mano e basta cambiarne una sola per migliorarla ulteriormente. Se il tuo avversario ne cambierà due ci saranno tante chances di avere ancora la mano migliore, perciò è meglio puntare ancora.

Se il tuo avversario non cambia carte e inizia a rilanciare, gioca con cautela. In casi del genere hai bisogno di una mano che abbia un 7 come carta più alta.

Nel 2-7 la posizione è cruciale, perchè nel caso in cui ti trovi fuori posizione dovrai avere una mano davvero forte per giocare in caso di puntate continue.

Limit Hold’em

Regole di base

Le regole dell’Hold’em dovreste conoscerle abbastanza bene grazie alla modalità No Limit. Nel Limit l’unica cosa che cambia riguarda il fatto che puoi puntare solo una determinata quantità di chip per volta. Ciò consente di guardare tanti flop.

Non conosci le regole del Limit Hold'em? Allora puoi trovarle qui.

Strategia di base

Come detto, si possono giocare molte più mani rispetto al No Limit spendendo meno chip, ma potrai anche giocare più mani fuori posizione. Questo accade perchè non è possibile fare grandi puntate per chi gioca in posizione, il che dà ai giocatori fuori posizione maggiori pot odds.

In ogni caso è sempre meglio non giocare mani che abbiano un basso potenziale, come due carte basse senza progetti. Ci saranno anche più avversari a guardare il flop rispetto al No Limit Hold’em, pertanto sarà difficile avere la mano migliore, a meno che tu non prenda un bel punto.

Di norma potrai giocare con lo stesso range di mani che adotti nel No Limit, ma con qualche aggiustamento in termini di applicazione nel gioco.

Vuoi saperne di più sulla strategia da adottare nel Limit Hold’em? Ecco qui la nostra sezione dedicata.

Limit Omaha Hi-Lo

Regole di base

Omaha hand

Il metodo di gioco nell’Omaha Hi-Lo è simile alle altre varianti dell’Omaha, con la grande differenza che consiste nel dividere il piatto tra chi ha la mano migliore e quella peggiore. Per avere la mano peggiore è sempre bene non possedere carte superiori all’8, possibilmente senza coppie.

L’asso può avere sia valore alto che basso. Può anche avere un colore o una scala, tanto che la miglior mano bassa possibile è 5-4-3-2-A.

Se nessuno si presenta per vincere il piatto con la mano peggiore – e talvolta accade – tutto il piatto andrà al giocatore con la mano migliore.

Se non conosci le regole del Limit Omaha Hi-Lo, puoi trovarle qui.

Strategia di base

Una buona dritta è quella di giocare sempre per la mano migliore, ma mantenendo anche una combinazione buona per vincere con la mano peggiore. Visto che a volte accade che non ci siano mani basse a contendere metà piatto, potrai portarlo tutto a casa molto spesso.

Una mano con uno o due assi ha sempre un buon valore di partenza, oltre a consentire di concorrere per entrambi i piatti. La miglior mano peggiore è composta da 5-4-3-2-A, ma consente anche di completare una scala che può valere come mano migliore.

Come nel Pot Limit Omaha è sempre meglio partire con due coppie di carte suited, possibilmente tutte e quattro connesse tra loro. Se avrai quattro carte suited, però, sarà meglio giocare con prudenza.

Limit Razz

Regole di base

Lo stile di gioco del Razz è molto simile a quello del Seven Card Stud, si tratta solo di un gioco in modalità Lowball che consiste nell’ottenere la peggior mano possibile. I colori e le scale non contano, l’asso è considerato una carta bassa, perciò anche nel Razz la peggior mano possibile è 5-4-3-2-A.

A differenza degli altri giochi Hi-Lo dovrai avere una mano vera per giocare e vincere il piatto. Ciò vuol dire che, con un po’ di fortuna, anche avere una coppia non ti negherà questa possibilità.

Se non conosci le regole del Limit Razz, puoi trovarle qui.

Strategia di base

La strategia di base del Razz è molto simile a quella del Seven Card Stud. Dovrai giocare in maniera disciplinata e attendere la mano buona, anzichè iniziare a fare call con mani dal basso potenziale. Fai attenzione anche alle “carte morte”, ovvero quelle che i tuoi avversari folderanno di volta in volta.

Il valore delle tue carte basse sarà fondamentale per stabilire la forza della tua mano. Se avrai un asso e un’altra carta bassa, allora avrai una mano molto forte con la quale andare avanti nel colpo. Avere un asso tra le carte scoperte ti consentirà di puntare, in modo da far paura all’avversario e indurlo al fold.

Se hai deciso di giocare con una mano di medio valore, quando si giunge alla terza strada arriva il momento delle decisioni cruciali. Una grande puntata è dietro l’angolo, e qualora il tuo avversario abbia una mano più forte, giocare costerà tante chip.

Limit Seven Card Stud

Regole di base

Stud1

Dopo il Razz è la volta del “vero” Stud, dove torniamo al reale valore delle mani. Scale e colori hanno il loro reale valore, diversamente da come accade nel Razz.

Si comincia con due carte coperte e una scoperta. Le tre carte successive sono anch’esse scoperte, mentre la settima dovrà restare coperta.

Se non conosci le regole del Limit Seven Card Stud, puoi trovarle qui.

Strategia di base

Nello Stud, così come nel Razz, dovrai giocare con disciplina e tenere d’occhio le carte scoperte. Se ad esempio hai un flush draw ma non vedi carte di quel seme tra quelle scoperte, esiste una grande probabilità che tu chiuda colore.

Anche qui le due carte coperte iniziali sono fondamentali. Se per esempio ti ritrovi con top pair potresti anche provare a rappresentare una mano più forte di quella che hai in realtà.

Quando riceverai un call, esiste una grande chance che il tuo avversario sia in draw. E qualora cascasse una carta che presumibilmente può chiudere questo progetto, dovrai fare molta attenzione alla action da dare al tavolo.

Una coppia alta a volte è sufficiente per vincere la mano, ma anche in quel caso bisogna sempre dare un’occhiata alle carte scoperte del tuo avversario. Nel caso in cui si ritrovasse con un draw ma alla settima strada fa raise, a quel punto la tua coppia non è più buona.

Vuoi saperne di più sulla strategia da adottare nello Limit Seven Card Stud? Ecco qui la nostra sezione dedicata.

Limit Stud Hi-Lo

Regole di base

Proseguiamo con le specialità dello Stud, questa volta nella versione Hi-Lo, chiamata anche Stud8. Il pot può essere diviso in due parti uguali, con la mano migliore e quella peggiore che verranno premiate allo stesso modo.

Come nel caso dell’Omaha Hi-Lo, una mano diventa bassa se ha delle carte inferiori all’8 e contiene un asso, che in questo caso è considerato carta bassa. Valgono le coppie, non i colori e le scale.

Se nessun giocatore ha una mano bassa valida, tutto il piatto viene conteso da chi gioca per la mano più alta.

Strategia di base

Lo Stud Hi-Lo è un gioco in cui serve grande concentrazione perchè ci sono tanti aspetti da tenere d’occhio. Non devi solo capire la tua mano potenziale, ma devi anche capire se il tuo avversario ha una buona mano oppure no.

Per fortuna è abbastanza facile capire se il tuo avversario gioca per la mano bassa o per quella alta. Basterà guardare le carte scoperte per farsi un’idea. Se tra le mani hai una buona mano bassa, e il tuo avversario dà l’impressione di averne una alta, quasi certamente dividerete il piatto.

Un buon consiglio per lo Stud Hi-Lo è quello di giocare con una mano bassa che contiene però un draw per avere la miglior mano alta. Questo vale perchè è più facile vedere se hai la miglior mano bassa in base alle carte che possono darti la mano alta.

Funziona esattamente al contrario rispetto all’Omaha Hi-Lo, in cui provi ad andare per la mano bassa pur avendo un buon draw per la mano alta.

La strategia tra questi due giochi è comunque simile a proposito del fatto di avere un asso in mano. La miglior mano bassa possibile è composta da 5-4-3-2-A, quindi l’asso ti aiuterà ad avere la miglior mano bassa.

No Limit Texas Hold’em

Regole di base

Nel caso tu abbia vissuto sulla luna negli ultimi 15 anni, ecco qui le regole del No Limit Texas Hold’em.

Strategia di base

Cards

Nell’8 Game, il Texas Hold’em è la variante in cui arrivano più eliminazioni. Specialmente i giocatori con gli stack più piccoli aspettano questa variante per poter andare all-in alla ricerca di un double up, visto che le altre varianti non danno questa possibilità.

Per questo motivo, un buon consiglio consiste nel giocare abbastanza tight, dando un’occhiata ai giocatori short. Non dimenticare che si tratta di un gioco 6-handed, quindi il range con cui andare all-in si amplia. Allo stesso tempo, però, difficilmente vedremo giocatori shovare con mani marginali.

Se sei un giocatore di Hold’em particolarmente forte, puoi adottare una strategia un po’ più aggressiva per provare a rubare i bui e per affrontare i tuoi avversari già dal pre-flop. È raro trovare un avversario con una mano fortissima in modalità 6-max.

Vuoi saperne di più sulla strategia da adottare nel No Limit Hold’em? Ecco qui la nostra ampia sezione dedicata.

Pot Limit Omaha

Regole di base

La più grande differenza tra il No Limit Hold’em e l’Omaha riguarda il fatto di avere quattro carte in mano anzichè due. Quando devi comporre la tua mano migliore, però, potrai usare solo due delle quattro carte personali, e obbligatoriamente tre carte del board. Nè una in più, nè una in meno.

Un’altra differenza riguarda la struttura delle puntate in modalità Pot Limit, in cui non puoi puntare più di quanto non ci sia già nel piatto. Visto che ci sono tante opportunità di progetto nel PLO, si potrà assistere a una serie di puntate e rilanci nel corso delle varie mani.

Se non conosci le regole del Pot Limit Omaha, puoi trovarle qui.

Strategia di base

Così come nel No Limit Hold’em, anche nel Pot Limit Omaha si può andare all-in più frequentemente, ed è una circostanza che i giocatori tendono a sfruttare. Il rischio in questo caso è più alto, visto che una forte mano di partenza ha meno chances di vincere rispetto all’Hold’em.

Per questa ragione, di solito si consiglia di guardare il flop prima di prendere una decisione forte, come quella di pushare.

Nel Pot Limit Omaha, un buon consiglio è quello di giocare una buona mano di partenza, ma che può diventare ancor più forte in divenire. Un buon esempio di mano forte ma con un potenziale ancora migliore è A K A K . Non vincerai sempre con una mano così, ma nell’Omaha si tratterà di una mano fortissima se troverà qualcosa di buono sul board.

Non dimenticare che per vincere avrai spesso bisogno di una combinazione migliore rispetto all’Hold’em. Asso carta alta non è mai un buon punto per vincere, così come una coppia media, perciò prova a chiudere una scala o un colore per aumentare le tue chances di vittoria.

Vuoi saperne di più sulla strategia da adottare nel Pot Limit Omaha? Ecco qui la nostra ampia sezione dedicata.

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti