Guerra al Riciclaggio: si muove la Commissione Europea

Sonia Alfano
La presidente della commissione speciale sulla criminalità organizzata, Sonia Alfano

Maggior tutela per chi gioca al poker online. La garantisce Mamma Europa.

Il Parlamento europeo ha approvato un piano di azione che vieta l’utilizzo di strumenti di pagamento anonimi per le puntate relative ai giochi d’azzardo.

Tra le priorità c’è la prevenzione dell’anonimato nei giochi d’azzardo online e la possibilità di permettere l’identificazione dei server che li ospitano.

Il tutto elaborando sistemi informativi che consentono la tracciatura completa di qualsiasi movimento di denaro effettuato attraverso giochi online e offline.

L’Unione europea ha reso noto che i giocatori in rete sono ben 6,8 milioni e il mercato è in rapido sviluppo. Motivo per cui è fondamentale sviluppare quanto prima sistemi di sicurezza per i consumatori.

Nel 2011 i ricavi annuali del mercato del gioco d’azzardo sono stati stimati dall’Unione europea intorno agli 84,9 miliardi di euro con una crescita annuale del 3%.

In particolare, il gioco d’azzardo online è l’attività che si sta sviluppando con la velocità maggiore, con tassi di crescita annuali del 15%. E nel 2015 si prevedono ricavi di 13 miliardi di euro rispetto ai 9,3 miliardi del 2011.

‘’Il costo delle mafie, difficile da stimare, va dai 4 ai 5 punti di PIL solo per l'UE’’, ha sottolineato dopo l’approvazione del nuovo piano d’azione l’europarlamentare del Partito Popolare europeo Salvatore Iacolino, relatore dell’intervento che rafforza la lotta contro la criminalità organizzata.

‘’È una lista di azioni concrete – ha continuato Iacolino - da attuare in un orizzonte temporale identificato nella prossima legislatura: una sfida comune ai sistemi criminali”.

Per Sonia Alfano, del gruppo dei liberal-democratici, presidente della commissione speciale sulla criminalità organizzata, la corruzione e il riciclaggio di denaro, ‘’il sistema finanziario europeo è sotto attacco’’ e la relazione ‘’rappresenta una pietra miliare per questa legislatura perché per la prima volta afferma la posizione inequivocabile del Parlamento contro le mafie’’.

Inoltre, il Parlamento europeo  ha chiesto ‘’una maggiore cooperazione a livello europeo, sotto il coordinamento della Commissione, per identificare e contrastare gli operatori del gioco d'azzardo in Internet’’.

L’Eurocamera ha ritenuto necessario rafforzare lo scambio di informazioni tra gli Stati membri, i loro organismi di regolamentazione, Europol ed Eurojust, per contrastare le attività criminali legate al gioco d'azzardo online transfrontaliero.

I pokeristi in rete possono dormire sonni tranquilli, infatti, anche la Commissione europea si sta muovendo parallelamente alla sua assemblea legislativa per tutelare i giocatori online.

Bruxelles ha annunciato che quest’anno istituirà un gruppo di esperti allo scopo di facilitare gli scambi di esperienze in materia di regolamentazione tra Stati membri.

L’obiettivo è contribuire a sviluppare nell'UE un settore dei giochi d'azzardo online ben regolato e più sicuro per allontanare i giocatori dai siti non regolamentati.

‘’I consumatori – ha detto il commissario responsabile per il mercato interno Michel Barnier - ma più generalmente tutti i cittadini devono essere adeguatamente protetti. Il riciclaggio di denaro e le frodi devono essere impediti, lo sport deve essere tutelato nei confronti delle scommesse giocate mentre le norme nazionali devono essere conformi alla normativa dell'UE. Questi sono gli obiettivi del piano d'azione che è stato adottato’’.

Un altro obiettivo centrale della Commissione europea è prevenire e scoraggiare le frodi e il riciclaggio di denaro attraverso i giochi online.

A causa della sua natura transfrontaliera, i singoli Stati membri non possono applicare efficaci meccanismi antifrode.

È necessaria un'impostazione che riunisca l'UE, gli Stati membri e l'industria per affrontare il problema sotto tutti gli aspetti.

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti