Global Poker Masters: sarà un Flop o un Successo?

global poker masters

L’inaugurazione del Global Poker Masters si svolgerà questo fine settimana all'Hilton Business Tower di Malta.

Le redazioni di PokerListings stanno dando le loro opinioni controverse sulle possibilità di successo della manifestazione.

La lista dei giocatori che prenderà parte al primo Global Poker Masters della storia è abbastanza impressionante, non c'è dubbio.

Ci sarà Olivier Busquet (US), Sam Trickett (GB), Sorel Mizzi (CAN), Ole Schemion (GER), Bertrand Grospellier (FRA), Vladimir Troyanovsky (RUS), Andrea Dato (ITA), ed Eugene Katchalov (UKR ), per citarne giusto un giocatore di ciascuna delle otto squadre che rappresentano le otto nazioni attualmente di maggior successo nel poker. (qui la lista completa dei giocatori)

tam italia

Per l’Italia oltre a Dato avremo Rocco Palumbo, Mustapha Kanit, Dario Sammartino, e Giuliano Bendinelli.

 

Sportificare il poker?

sportify

L’idea alla base è quella di “sportificare” il poker il più possibile ed è anche per questo che l’evento utilizza l’hashtag #sportify e sarà trasmesso in diretta streaming sulla Twitch TV.

In passato ci sono già stati tentativi di trasformare il poker in un gioco di squadra, o se vogliamo in un campionato mondiale tra diversi paesi. Qualcuno ricorderà forse il Caesar’s Cup alle WSOP Europe oppure il World Team Poker, entrambi naufragati all’istante.

Ora però Alex Dreyfus e il GPI stanno provando ancora una volta a trovare la giusta formula e la domanda sulla bocca di tutti è: sarà un flop o un successo?

 

Flop o Top? Disastro annunciato o Successo senza precedenti

Abbiamo raccolto le opinioni degli editor di Pokerlistings di diversi paesi chiedendo essenzialmente di prendere una posizione a riguardo. Ecco cosa hanno dichiarato a Dirk Oetzmann che ha redatto il pezzo e svolto l’indagine chiedendo: Flop o Top?

 

Fred Guillemot, PokerListings Francia

Poco importa se il format sembra un po’ troppo complicato, in generale non sono sicuro che l’evento possa davvero avere una grande risonanza al di fuori della comunità pokeristica. In Francia Patrick Bruel probabilmente ne ricaverà qualche articolo ottimo ma è un po’ presto per parlare di evento globale. Tuttavia sarà una sfida davvero grande e appassionante per il GPI nei prossimi anni. Flop

 

Lars Liedtke, PokerListings Germania

Il Poker è un gioco individuale ed ecco perche i passati tentativi di farne un gioco di squadra sono stati un fallimento. L’idea di Dreyfus alla base del GPI è senza dubbi grandiosa e sarà sicuramente bellissimo vedere questi grandi campioni competere l’uno contro l’altro.

Tuttavia io non condivido l’idea che il poker sua uno sport, per me è e rimane un gioco, quindi questa “sportificazione” non credo porterà i risultati auspicati.

L’idea di trasmettere l’evento live su internet è geniale e attirerà molte attenzioni sull’evento ma non basterà certo a farne un cult e a mio dire è facile prevedere un grosso Flop

 

Esther Amores, PokerListings Spagna

Nonostante il poker non sia un gioco per squadre credo che l’evento possa portare qualcosa di nuovo al tavolo e provare il poker come gioco di abilità. Inoltre ogni squadrà potrà elaborare una propria strategia rendendo la sfida più interessante.

Non concordo con la scelta di svincolare la manifestazione da sponsor e promozioni perché restringe il campo dei giocatori che possono effttivamente partecipare. In molto sono scettici sul Global Poker Masters ma io credo che abbia tutte le carte in recola per essere un successo: Top

 

Francesco Esposito, PokerListings Italy

Devo dire che l’idea è affascinante. Soprattutto Se si pensa che per anni è sembrato impossibile stabilire un ranking dei migliori giocatori di poker e il GPI in un modo o nell’altro è riuscito a mettere tutti d’accordo. Concordo sul fatto che questa edizione non conoscerà vie di mezzo e potrebbe rivelarsi un grandissimo flop o un successo impressionante. Se dovessi scommettere a riguardo, credo proprio che la vedrei positivamente e quindi dico: Top

 

Artur Kurvits, PokerListings Russia

Credo sia solo un brand e un evento divertente e originale durante un poker festival e niente di più. Tecnicamente il poker non è un gioco per team e il trofeo per la squadra vincente non avrà il sapore di una coppa del mondo a mio avviso.

Per i giocatori sarà anche uno spreco di soldi e tempo e dubito che vi parteciperanno più di una volta. A meno che non succeda qualcosa di davvero eclatante durante l’evento sono pronto a scommettere che non si ripeterà una seconda volta. Flop.

 

Thomas Hviid, PokerListings Danimarca

La combinazione tra il Global Poker Masters e l’EPT di Malta faranno dell’evento un chiaro successo. I migliori giocatori saranno li così come tutti I media e le testate di poker più prestigiose.

L’unico punto interrogativo per me rimane il format che trovo troppo complesso per catturare l’attenzione dei media al di fuori della comunità del poker. Ma in generale penso sarà un successo. Top

 

Denni Balic, PokerListings Svezia

Sono davvero entusiasta del concept dell’evento e dell’idea alla base del Global Poker Masters. Ma allo stesso tempo non mi aspetto rivoluzioni e credo sarà un evento di poker come già altri in passato. Considerando la scarsa promozione però prima che l’evento possa decollare ci vorranno almeno un paio di anni quindi per ora non mi sento di parlare di “successo”. Flop

 

Dirk Oetzmann, Senior, PokerListings Europa

Se devo fare un paragone con I passati eventi di poker a squadre questo appare decisamente meglio strutturato e più serio. I giocatori sono stati selezionati con un criterio preciso e grazie a Twitch sarà possibile seguire l’evento live.

A questo si aggiunga che il tutto accadrà durante una tappa dell’EPT festival che darà al GPM una maggiore esposizione mediatica. Alex Dreyfus ha già dimostrato come trasformare una manifestazione in un successo e credo sinceramente che la storia si ripeterà: Top

 

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti