Giocare Partite "Deep Stacks"

Chips

Il poker No-limit con stack molto alti (deep stacks) è una delle varietà più complesse e competitive.

La ragione per la quale è così complessa è che con stack elevati si è costretti a utilizzare strategie che mai ci sogneremo nelle altre varianti. Le sfide ricche di all-in assomigliano spesso a una partita di scacchi in cui ogni mossa viene attentamente calcolata. Questo perché ogni mossa sbagliata minaccia di lasciarci fuori dal gioco.

Il termine "deep stacks" significa un evento con grande buio pari o superiore a 200 in cui occorre giocare il turn e il river.

Se state giocando con un grande buio da 50-100, nel momento in cui avete scommesso e rilanciato sul flop, tutto si basa sul flop o sul turn. Il river di solito rappresenta semplicemente una carta da evitare, avendo già praticamente completato il giro di puntate.

Nel poker con stack elevati il river rappresenta la fase fondamentale per le vostre scelte. Il piatto è appetitoso e avete ancora altro denaro da puntare. L'unica cosa peggiore di affrontare un enorme all-in durante il turn è affrontare lo stesso tipo di puntata sul river avendo in mano ancora più denaro.

Questo spiega perché i professionisti amano questo tipo di poker, poiché possono massimizzare il loro margine.

 

Posizione

L'importanza della posizione sul tavolo da gioco dovrebbe essere un qualcosa di noto a tutti. Questo è un elemento ancora più importante quando gli stacks sono alti. Quando si è in una posizione meno favorevole tutto diventa più difficile, poiché l'ultima parola sarà sempre la vostra sui rialzi, sui check, sui call, ecc...

Quando ci si ritrova a essere gli ultimi a dire la propria, è sempre difficile prendere una decisione. E quando ci si ritrova nell'incertezza con degli stack alti è molto più semplice fare degli errore. E gli errori, ovviamente, costano denaro.

 

Valore della Propria Mano

poker flop

La variante deep stack del poker cambia drasticamente i valori della propria mano. Con un grande buio da 20 una mano come A-J può essere estremamente valida. Se il flop vi aiuta, il vostro avversario propenderà comunque per chiamarvi con una mano potenzialmente più debole. E anche se la sua mano prevale, perderete soltanto una cifra molto piccola.

Quando gli stack sono molto più consistenti il vostro avversario non rischierà di mettere sul piatto una gran quantità di denaro con in mano una semplice coppia, che voi polverizzereste facilmente. Questo significa che quando si vince si vince poco.

Purtroppo però, quando si perde si perde forte. Provate a giocare fino in fondo un A-J su un tavolo che ha mostrato più assi. Se vincerete avrete ricavato quasi certamente un piatto piuttosto modesto, mentre se perderete vi scivoleranno dalle mani quantità di denaro davvero preoccupanti.

Con queste considerazioni in mente, le mani con coppie alte perdono valore. Questo non significa che dovrete smettere di giocarle. Hanno ancora un certo peso, ma dovete assolutamente giocarle con molta più scaltrezza, tenere sempre d'occhio il piatto e ovviamente massimizzare il vostro gioco solo in una posizione ideale sul tavolo.

Se mani di questo tipo perdono valore, allora quali sono quelle più sicure? Nelle mani dove il piatto è abbondante la ricerca del colore o della scala è fondamentale. L'elemento più particolare delle partite deep stack è in realtà da ritrovare nelle fasi del turn e del river. Infatti, una mano come 8cuori e 9cuori ha un valore molto più alto arrivati nelle fasi finali, rispetto a un Afiori 10picche nelle prime fasi di gioco.

Il "segreto" è dunque mettere insieme questi due concetti. Dovreste giocare i vostri piatti più importanti quando vi trovate nella posizione giusta sul tavolo e con mani "ambiziose". Dovreste inoltre controllare la dimensione del piatto quando avete un tipo di mano "a coppia singola", costruendo un piatto consistente quando le carte che vi si presentano sul tavolo aumentano il valore delle vostre carte.

Analizziamo un paio di esempi.

 

Esempio 1

omaha poker2

NL Full Ring 1$/2$. Stack effettivi 600$. Il primo giocatore chiama il grande buio, così come i due giocatori nelle posizioni intermedie. Voi rialzate di 10$ con 7fiori 8 fiori. Tutti e tre i giocatori chiamano. Sul piatto ci sono 43$.

Ecco il flop: Afiori 10quadri 6fiori. Il primo giocatore punta 20$ e gli altri due lasciano. Voi rialzate di 65$ e il vostro avversario fa call. Sul piatto ci sono 173$ e il turn scopre un 9quadri. L'avversario fa check e voi puntate altri 135$, lui chiama.

Ora sul piatto ci sono 443$ e il river porta un 2picche. L'altro giocatore fa check e voi andate all-in con 410$. Dopo un attimo di esitazione lui chiama.

Mostra Aquadri e 9picche e la vostra scala riesce a racimolare ben 1.200$ dal piatto.

Questa mano è un ottimo esempio di come le partite deep stack favoriscano le mani "lungimiranti". Quando riuscite ad azzeccare la combinazione giusta, il piatto che andrete a mettervi in tasca sarà quasi certamente un piatto eccellente. In questa variante del poker tutto cambia: il valore iniziale delle vostre carte viene ridimensionato, poiché il successo dipende soprattutto da come giocherete la mano.

Qualche considerazione sul comportamento del vostro avversario? Beh, era condannato sin dall'inizio. Giocare un asso debole da una posizione del tavolo sfavorevole è quasi sempre un'anticamera per il disastro. Inoltre, si deve essere letteralmente innamorato delle sue carte, poiché lo avete messo davanti a decisioni molto difficili durante tutta la mano.

Quando ci si trova sulla sedia sbagliata è difficile valutare le cose con freddezza se gli stack sono così alti.

Ora diamo un'occhiata a un altro tipo di mano.

 

Esempio 2

bluffarepoker2

NL Full Ring 1$/2$. Stack effettivi 600$. Il primo giocatore chiama il grande buio. Voi aumentate la posta di 8$ con Afiori Qpicche. Lui ci sta e vi ritrovate in un testa a testa sul flop. Il piatto è 19$. Il tavolo mostra Aquadri 7cuori 8fiori. L'avversario fa check e voi scommettete 13$. Lui ci sta.

Il piatto è ora 45$. Il turn regala un 2picche. Lui fa check e voi ricambiate. Il river mostra 6quadri. Lui punta 35$ e voi ci state.

L'avversario mostra di avere 7quadri 7fiori e riesce a portare a casa un piatto da 115$.

Essendo in posizione voi controllate ogni cosa. Potete eliminare il turn come fase di rilancio, permettendo all'avversario di ingrassare il piatto solo nella fase precedente. Avete l'ultima parola su tutto.

Dal canto suo, l'altro giocatore è in una situazione poco felice. Sulla sedia sbagliata, sceglie di non puntare forte sul flop e una volta che voi avete fatto check sul turn il piatto è rimasto basso. Non avrebbe potuto scommettere 200$ nel piatto da 45$, quindi è stato costretto a puntare una cifra più ragionevole. Una cifra che, grazie al vostro controllo del piatto, può essere chiamata tranquillamente.

Probabilmente starete pensando: "Se gioco con un basso profilo tutte le mie coppie iniziali e con un profilo aggressivo tutte le mie mani più forti, non sarò facilmente leggibile dai miei avversari? Si accontenteranno semplicemente di lasciare quando scommetto forte e di chiamare quando punto poco".

Vero, se giocate in maniera prevedibile. Ovviamente dovrete sempre cercare di mescolare le vostre carte. Lanciatevi su qualche mano in maniera diversa per confondere le acque e non scordatevi qualche bluff.

Questa è in ogni caso, ovviamente, una guida approssimativa alle partite deep stack. Purtroppo, inoltre, questa variante del poker è talmente complessa che è difficile dare delle certezze assolute. Si tratta di un'arte in cui l'istinto è un'arma potentissima. Ciò che più vi può aiutare è certamente l'esperienza, ma soprattutto la voglia di imparare.

Se impiegherete un po' del vostro tempo riguardando le mani che avete giocato, cercando di capire ogni volta quale poteva essere il modo migliore per giocarle, sarete inarrestabili.

Ricordate: più metterete in difficoltà i vostri avversari con decisioni difficili e più riuscirete a evitare di incappare voi stessi in tali decisioni. Più riuscirete a rilanciare seguendo la vostra strategia, meno sarete occupati a immaginare quella degli altri.

 

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Dante 2013-05-14 13:38:58

Una buona posizione è quella che ti permette di parlare dopo gli altri non prima...

Giovanni 2013-03-06 14:19:06

nell' esempio 1 secondo me il nostro avversario se chiama ,sul flop, il nostro rilancio che è di x3 ,allora ha una mano che comprende solo o progetti di colore (nuts) , o progetti di scala (nuts) o set o doppia coppia (A-10) . Secondo me è un errore chiamare il raise. In un secondo momento non ha senso sul flop da parte nostra raisare perchè faremmo passare molte mani che sul turn ci pagheranno