L’EPT va in pensione: come sarà il Poker Live? 3 Possibili Scenari

Pokerstars sta organizzando il suo calendario, intanto altre poker room propongono i loro nuovi eventi live. Ecco qualche possibile scenario di come andranno le cose nel 2017.

Ricordate come l’European Poker Tour cresceva di anno in anno? Dei piccoli main event sono diventati dei grossi eventi con centinaia di giocatori da ogni parte del mondo.

Nel 2004 si parlava di eventi da un giorno solo con 1000 euro di buy-in e poco più di 200 giocatori, per poi passare a 5300 euro di buy-in, una settimana di gioco e più di mille player per evento.

Oltre a questo la vittoria di un EPT per molti anni ha anche significato l’inizio di una carriera nel poker per moltissimi giocatori, pensate a Noah Boeken, Liv Boeree, Jason Mercier, Vicky Coren, Bertrand Grospellier, tanto per citarne alcuni.

 

Troppe tappe hanno svalutato l’EPT?

Qualcosa però iniziò a stridere quando sempre più tappe venivano aggiunte e ci si ritrovava con un nuovo vincitore quasi ogni mese, svalutando così il peso del titolo conquistato.

A quel punto Pokerstars prese la giusta decisione dimezzando le tappe e trovando il giusto equilibrio tanto che l’EPT ha conosciuto una nuova rinascita negli ultimi anni.

La decisione di sostituire il circuito è arrivata infatti come un fulmine a ciel sereno. Tanto l’EPT quanto i circuiti locali saranno rimpiazzati da eventi globali. Ma quali saranno le conseguenze?

[Leggi anche: Bye Bye EPT: i 5 Momenti più Esaltanti targati Italia]

 

888live2
Nuovi eventi live si affacciano nel panorama del poker

 

Scenario 1: Pokerstars aumenta il prestigio dei suoi eventi

Puntando su una sorta di globalizzazione degli eventi di poker live, che ora si terranno in diverse parti del mondo, il poker potrebbe ricevere maggiori attenzioni dai media.

Il poker si sta muovendo da tornei a Macao con solo giocatori cinesi o Sydney con un field quasi eclusivamente australiano, a eventi che attirano giocatori da ogni parte del mondo, portando più prestigio, più soldi e più visibilità mediatica.

Questa formula può portare Pokerstars e i suoi eventi al gradino superiore.

 

Macao poker
Tappe come Macao potrebbero non avere il successo sperato


Scenario 2: Pokerstars farà un favore ai suoi avversari

Pokerstars lascia libero il terreno europeo dando la possibilità ai suoi competitors di lanciare nuove tappe nel vecchio continente.

888poker ha già iniziato con i suoi eventi live a Londra e in Spagna e Unibet si sta muovendo veloce spostandosi in Europa dell’est.

Allo stesso tempo il WSOP Circuit si sta espandendo tra Italia, Germania, Francia e Repubblica Ceca.

Tutta questa competizione non potrà che far salire la qualità degli eventi portando maggiori beneici ai giocatori.

David Baazov
La reputazione di Amaya è stata compromessa nel 2016

 

Scenario 3: Pokerstars si da la zappa sui piedi

La poker room ha presentato i nuovi poker Championship e Festival come delle evoluzioni dei vecchi eventi, ma la cosa non necessariamente porterà dei buoni risultati.

Pokerstars potrebbe infatti facilmente perdere la sua supremazia nell’organizzazione di eventi live di poker dopo aver rinunciato ad un brand collaudato come l’EPT e a tutti quegli eventi che si combinavano creando dei lunghi festival di poker, si pensi a Barcellona e Praga.

Il mondo del poker era concentrato tra Europa e Nord America con la parentesi dell’Australia. Eventi tenuti tra Panama e Macao potrebbero non raccogliere le stesse attenzioni e lo stesso entusiasmo.

Se a questo si aggiunge il malcontento di molti giocatori per i cambiamenti della poker room online, il taglio a molte sponsorship ai poker pro e gli ultimi scandali che hanno accompagnato Amaya e David Baazov, allora il 2017 potrebbe essere l’inizio del tracollo di Pokerstars.

 

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti