EPT Campione 2012: i Profili dei Finalisti

Robin Ylitalo

Una breve presentazione degli otto giocatori che oggi a Campione d'Italia si contenderanno l'ambita 'picca'.

Appena il tempo per pranzare, e poi via all'atto conclusivo della prima edizione dell'EPT di Campione d'Italia. Fabrice Soulier, Olivier Busquet, Jannick Wrang, Balazs Botond, Koen De Visscher, Stefano Puccilli, Mario Nagel e Robin Ylitalo: sono i magnifici otto che oggi pomeriggio si sfideranno a colpi di raise e re-raise, per portarsi a casa una prima moneta da oltre 600.000 euro. Ma conosciamoli un po' meglio.

1 - Fabrice Soulier - 3.480.000 chip

Il forte pro francese gioca nei più importanti tornei di poker live ormai da un decennio, e in carriera ha guadagnato qualcosa come 3,6 milioni di dollari. Alle WSOP 2011 ha vinto il suo primo braccialetto, aggiudicandosi l'HORSE Championship da 10.000 dollari di buy-in, incamerando 600.000 verdoni in una volta sola. Ma il suo risultato più ricco è stato il terzo posto al Partouche Poker Main Event del 2010, dove si aggiudicò 701.000 dollari. Se dovesse piazzarsi almeno terzo all'EPT di Campione, scavalcherebbe Antoine Saout nella All Time Money List francese, insediandosi sul gradino più basso del podio.

2 - Olivier Busquet - 3.011.000 chip

Busquet, come molti tra le nuove leve, ha cominciato giocando a poker online. Ben presto il suo nickname, 'livb112', è cominciato a diventare uno spauracchio tra i giocatori di heads-up nei sit and go, tanto da essere riconosciuto come tra i più forti player di questa specialità. Il suo risultato più importante dal vivo, invece, è l'affermazione al WPT Borgata Poker Open del 2009 (925.000 di premio), ma Busquet può vantare anche un secondo posto all'evento High Roller dell'EPT Grand Final dell'anno scorso (dove vinse altri 800.000 dollari).

3 - Jannick Wrang - 2.882.000

Il danese non è certo un nome noto al grande pubblico, eppure sono già cinque anni che ottiene buoni risultati in giro per il mondo. Il suo primo 'in the money' significativo risale infatti al 2007, quando si piazzò sesto al Deep Stack Extravaganza, uno dei tornei di poker più famosi di Las Vegas. Non è un giocatore famoso perché non ha mai vinto un torneo mainstream. La sua unica affermazione di rilievo risale al febbraio 2011, quando si aggiudicò l'evento heads-up dello European Poker Tour di Copenaghen.

4 - Balazs Botond - 2.080.000

Gioca da qualche anno in meno rispetto a Wrang, ma anche l'ungherese Botond ha dimostrato di essere un buon player, al quale manca giusto il guizzo per fare il definitivo salto di qualità. Che l'EPT di Campione possa essere il suo momento? Le qualità ci sono, altrimenti non si va a premio almeno una volta per tre WSOP di fila. Botond ha cominciato nel 2009, centrando un in the money addirittura nel main event, risultato replicato anche nel 2010. L'anno scorso, invece, ben tre piazzamenti a premio, anche se non è riuscito a centrare la tripletta nel main event. Il suo risultato più remunerativo è un ottavo posto al WPT di Marrakech nel 2009.

5 - Koen De Visscher - 1.856.000

Il giovane belga, nativo di Leuven, è probabilmente il più quotato degli outsider, quello che tra tutti (non ce ne voglia il nostro Puccilli) ha le maggiori possibilità di mettere i bastoni tra le ruote a Soulier e Busquet. Comincia a macinare risultati di un certo spessore nel 2010, ma è l'anno scorso che De Visscher fa vedere davvero di che pasta è fatto: terzo posto all'EPT Snowfest, in the money all'EPT di Berlino e all'EPT di Barcellona, diciottesimo all'EPT di Loutraki e trentesimo all'EPT di Deavulle. Il belga si fa rispettare anche online: sempre nel 2011 si è aggiudicato l'evento da 1.000 dollari delle Spring Championship of Online Poker.

6 - Stefano Puccilli - 1.450.000

E veniamo al nostro Stefano 'Stefax72' Puccilli, romano de Roma (e romanista fin nel midollo) e unico italiano ad avere la possibilità di iscrivere il suo nome nell'albo d'oro dello European Poker Tour. Il buon Stefano potrebbe essere ricordato come il secondo azzurro a vincere una tappa dell'EPT, anche se un piccolo record può già vantarsi di averlo: è lui ad essersi aggiudicato la primissima tappa dell'Italian Poker Tour, quella che si è tenuta a Sanremo nel 2009: in quell'occasione, Puccilli vinse 120.000 euro, che è anche il suo risultato più importante in carriera. Forza Stefano!

7 - Mario Nagel - 1.210.000

Su questo giocatore tedesco si sa poco o nulla. Non che sia un tipo misterioso, per carità. Ma in carriera ha al suo attivo solo un paio di piazzamenti di poco conto: un ventisettesimo posto all'IPT di Campione e un terzo posto a un evento turbo dell'EPT di Sanremo, entrambi ottenuti l'anno scorso. A quanto pare l'Italia gli porta parecchia fortuna.

8 - Robin Ylitalo - 1.153.000

Anche Robin Ylitalo, come il tedesco Nagel, non ha ancora un curriculum importante. Eppure si è già piazzato a premio un paio di volte nel circuito dello European Poker Tour. È arrivato tredicesimo all'EPT di Berlino 2011 e ha replicato il medesimo piazzamento all'EPT Grand Final, sempre del 2011.

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti