Ecco come Elky, Ho e Shahade sono approdati al poker

grospellier ho shahade

Al PokerStars Caribbean Adventure, Elky, Maria Ho, e Jen Shahade si raccontano e spiegano come hanno intrapreso la carriera di poker player professionisti.

Non tutti hanno sentito parlare di poker in TV per la prima volta, o su internet. Alcuni giocatori del Team PokerStars hanno iniziato con giochi completamente diversi  e in modi diversi.

Sono infatti numerosi i pokler player che prima di passare al poker hanno raggiunto ottimi livelli in altri giochi, come ad esempio l'ultimo campione delle WSOP con un florido passato nel Risiko.

Tanti poi giocavano a Baccarat, a Scacchi, Bridge o Magic.

Tre grandi professionisti del poker come Elky, la bella Maria Ho tra le altre cose madrina del nostro Battle of Malta, e la Professionista di scacchi ed esperta di poker open face cinese Jennifer Shahade, si sono raccontati ad un numeroso pubblico di fan.

Scopriamo di più su tre queste icone nel mondo del poker, sul loro incontro con il gioco e su coime vivono il poker come un lavoro a tempo pieno.

Maria Ho e la passione per il Bridge

maria ho 01
"ho imparato il Mahjong in età molto precoce"

"La mia famiglia si trasferì dalla Cina in America quando ero ancora una ragazzina, ma ho comunque imparato i più tradizionali giochi cinese come il Mahjong, in età molto precoce".

"Nonostante ci fossimo trasferiti negli Stati Uniti, sono stata educata in modo tradizionale, così ci è voluto un po' prima che potessi entrare in contatto col poker”.

"Trovo un peccato che alcuni giochi sembrano andare di moda, anche se in realtà non dovrebbe essere così. Ho imparato a giocare a Bridge prima, e mi diverte ancora molto ".

"I paralleli qui si trovano nell'interazione tra i giocatori. In Bridge, dove si ha sempre una situazione  due contro due, si deve capire il messaggio del proprio partner, e poi si deve valutare ciò i propri avversari faranno".

"Anche se non si gioca con un partner nel poker, si interagisce con tutti gli altri al tavolo, si interpretano le loro azioni”.

Parlando del futuro del poker Maria non può non riconoscere il peso che Twitch sta iniziando ad avere per la comunità:

"Il futuro appartiene a Twitch. Il potenziale è enorme, e possiamo già vedere le stelle emergenti nel settore del poker come Jason Somerville e Jamie Staples ".

 

Elkie e una sala con 20.000 giocatori

bertrand grospellier Gracie 7630 034
"facevano tutti il tifo contro di me!"

E' ben noto che Bertrand "ElkY" Grospellier è stato a lungo un giocatore di classe mondiale di Starcraft, molto prima di mettere le mani su un mazzo di  carte. Ma la transizione sembrava quasi inevitabile.


"Ho vissuto in Corea del Sud per giocare a Starcraft professionalmente, perché quello era l'unico paese dove si poteva fare."

"Starcraft ha molti punti in comune con il poker. Sono entrambi i giochi di informazioni incomplete. Direi che è il motivo per cui gli amici poi mi hanno consigliato di provare anche col poker ".

"Dicono che il poker sia un gioco di mente, e questo è vero, ma in realtà, ogni partita diventa un gioco di mente quando si raggiunge un certo livello."

"Bisogna affrontare un sacco di pressione nel poker. Quando ho gareggiato nei campionati di Starcraft, giocavo in sale enorme davanti a 20.000 persone, e visto che ero uno dei pochi stranieri, tutti facevano il tifo contro di me ".

“Starcraft mi ha dato un vantaggio quando soprattutto dal poker online a quello live: ero abituato alla pressione. La cosa più difficile per me è stata quella di monitorare stack e piatti. Ho faticato molto all'inizio."

 

Jennifer Shahade e i giochi che non le piacevano…

jennifer shahade
"Ero un Master di scacchi ancor prima di conoscere il poker"

Per capire Jen un po' meglio, si dovrebbe sapere che viene da una famiglia di accademici e giocatori di scacchi.

Suo padre Michael Shahade è un maestro di scacchi, sua madre è un professore universitario, e suo fratello Greg è un Master Internazionale e ha lavorato temporaneamente come giocatore di poker professionista, mentre Jen è un Grandmaster Donna.

"Ho imparato a giocare a scacchi, quando avevo cinque anni. Non mi piacque molto all'inizio, ma in qualche modo succede che proprio ciò che inizialmente non ci piace diventi poi una grande passione. Succede anche con le persone!”

"Ero un Master di scacchi prima ancora di incontrare il poker, grazie a mio fratello che mi ha fatto conoscere il gioco. Ancora una volta, in un primo momento non ne fui molto entusiasta, essendo un gioco con informazioni incomplete, sembrava differire molto daglio scacchi. Ma, naturalmente, ci sono paralleli soprattutto quando si tratta di strategia "

"Il poker è molto popolare ormai tra i giocatori di scacchi, e alcuni di loro sono diventati validi professionisti. Alexander Grischuk può giocare 40 tavoli in linea simultaneamente. E poi c'è, naturalmente, Magnus Carlsen dalla Norvegia, attualmente il miglior giocatore del mondo”.

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti

×

Sorry, this room is not available in your country.

Please try the best alternative which is available for your location:

Close and visit page