Daniel Cates “Preferisco il Cash Game per due motivi fondamentali”

daniel cates cash
"È ancora possibile realizzare un profitto con gli High Stakes"

Abbiamo intervistato “jungleman” sul cash game e su come sopravvivere negli High Stakes. Leggi l’opinione del grande giocatore sui cambiamenti di Pokerstars.

"Mi ci sono voluti due anni per passare al gioco high stakes", ha ammesso Dan Cates in una recente intervista a PokerListings. «Ma mi ci vorrebbe anche di più ora."

La ragione è ovviamente che il livello generale dei giocatori è diventato molto più elevato, e sta diventando sempre più difficile trovare un proprio spazio.

In alcuni varianti di poker è quasi impossibile. Nel recente passato, PokerStars ha ricevuto un sacco di critiche per modifiche al sistema VIP, ma per scoprire come risolvere i problemi, abbiamo bisogno di avere una certa comprensione più profonda prima.

 

Come si fa a sopravvivere agli high stakes?

I giochi high stakes sono ancora battibili, perché la gente ancora commette errori, e molti giocatori sono pigri o svogliati. È ancora possibile realizzare un profitto, ma i margini sono sempre più sottili, e questo fa la differenza col passato.

Ci sono un certo numero di fattori che lavorano però contro questo tipo di gioco, come i cossidetti “predatori”. Qualcuno deve comunque perdere visto che anche i provider devono fare un loro guadagno.

C'è una sorta di selezione naturale che si verifica, e personalmente non credo che possa durare per sempre, a meno che non si giochi più in partite private.

cates bio
"In alcuni giochi la rake è troppo alta!"

Cosa ne pensi dei cambiamenti della rake su PokerStars?

Per quel che ho compreso se volessi divenire una Supernova, sarebbe mi è costato tra 70k e 80k, per quanto riguarda i miei ritorni.

Ci sono alcuni giochi in cui penso che la rake sia già troppo alta, come 2-7. PokerStars sembra pensare che tutte queste varianti siano le stesse, o forse non del tutto, ma non hanno un'idea di come impostare la rake di un gioco come 2-7, che non ha praticamente alcun vantaggio.

Soprattutto se lo si confronta all’ Hold'em.
La differenza tra un piccolo gioco all'avanguardia e un grande gioco come l’holdem è che in un piccolo gioco non si può davvero battere qualcuno che sa giocare bene.
Tuttavia, in un gioco No Limit, si può veramente schiacciare qualcuno se si lavora bene sul proprio gioco.

 

Nonostante la situazione attuale pensi che ti piacerebbe avere uno sponsor fisso?

Non so, probabilmente si, anche se credo che al momento il mercato delle sponsorizzazioni non sia proprio all’apice.
Dipenderebbe solo dalle condizioni, non lo escluderei totalmente quindi.

 

A Praga non hai partecipato ad uno degli high roller dell'EPT per giocare cash games…
Preferisco il cash game perché per io non sono poi così bravo nei tornei. Tornei come il Super High Roller hanno così tanta varianza, e io non sono abituato a ICM in particolare, e a come questo influenza il gioco.

Se sei solo bravo, verrai buttato fuori almeno l’85% delle volte, e anche se in contanti, la maggior parte delle volte non farai alcun profitto, ed è così brutale sedersi lì per dodici ore ogni giorno senza guadagnare nulla.

Anche se sei il miglior giocatore del mondo, potresti facilmente non incassare per due anni, se ti trovi in un periodo sfortunato.  
Nel cash si vince molto spesso, ed è possibile gestire il tempo che hai intenzione di dedicare al gioco. Due dei tanti motivi per cui preferisco il cash game.

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti