Come organizzare una poker room online

Condividi:
24 febbraio 2017, Scritto da: PokerListings.it
Postato su: Dentro PokerListings
Come organizzare una poker room online

Organizzare una poker room online può sembrare semplice, ma non lo è affatto: dalla procedura di apertura alla gestione, i passaggi sono tanti e complicati.

Il poker online è un’industria  che solo in Italia movimenta tantissimo denaro. Ma se pensate che organizzare una poker room online sia un gioco da ragazzi, e che basti creare (o appoggiarsi a) un software con un Randon Number Generator, per poi cominciare a fare i soldi, be’ vi sbagliate di grosso.

Per poter aprire una sala da poker online in Italia occorre avere numerosi requisiti e seguire una procedura molto ferrea, che prevede anche controlli continui sull’operato e sull’effettiva sicurezza del software di gioco. Si tratta di una vera e propria macchina organizzativa che deve toccare tantissimi punti, molti dei quali potrebbero non essere immediatamente chiari a chiunque voglia aprire un sito di poker online nel nostro Paese.

Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza sull’argomento, analizzando – senza entrare troppo nei dettagli tecnici per non annoiarvi – quali sono i passaggi da seguire per chiunque voglia creare un sito di poker online in Italia. Preparatevi perché potreste trovare concetti ai quali ancora non avete pensato.

Organizzare una poker room online: la licenza

Il primo passo per organizzare una poker room online è quello di acquisire una licenza di gioco. In Italia, infatti, tutti gli operatori del gioco d’azzardo devono possedere una licenza rilasciata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, che una volta si chiamava Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato.

L’Agenzia fissa un prezzo di 350.000 euro, per una licenza triennale provvisoria che eventualmente può essere rinnovata. Ma non è tutto, perché viene richiesta anche una fidejussione bancaria di un valore non inferiore agli 1,5 milioni di euro. Dunque non è alla portata di tutti aprire poker room online in Italia.

Anche perché i costi non finiscono certo qui – come vedremo tra poco – dato che quelli di cui abbiamo parlato finora sono soltanto i costi d’ingresso. Non avete ancora distribuito la vostra prima mano virtuale che come minimo avrete speso già quasi 2 milioni di euro. Non esattamente un business a buon mercato, insomma.

aprire poker room online

Organizzare una poker room online: il software di gioco

Naturalmente non è possibile organizzare una poker room online senza avere il software di gioco. Alcune sale da poker virtuali, come ad esempio PokerStars, hanno un software in-house, cioè sviluppato dalla stessa azienda proprietaria della poker room.

Altre sale da poker virtuali invece preferiscono appoggiarsi a software house esterne (come ad esempio PlayTech, una delle più famose al mondo), personalizzando la propria skin in base alle esigenze. Naturalmente se una poker room online condivide lo stesso software di un’altra, alcune caratteristiche fondamentali rimarranno le stesse e sarà dunque più difficile distinguersi.

Aprire poker room online non è semplice anche perché il software poi va gestito. Secondo le disposizioni di legge, il Random Number Generator – cioè il meccanismo che di fatto garantisce l’imprevedibilità dei risultati e la sua totale casualità – deve essere testato e garantito da terze parti.

Aprire poker room online: il personale

Non è che chiunque possa aprire poker room online, dunque, anche perché bisogna avere alle spalle una certa forza economica che permetta di gestire con una delle spese più importanti e forse sottovalutate: quella relativa al personale.

I dipendenti di una poker room online sono tanti e devono esserlo. Pensate a quante problematiche potrebbero insorgere. Ci vogliono prima di tutto i tecnici, persone esperte di informatica capaci di sistemare e ottimizzare il software e gestire inconvenienti tecnici, che sono all’ordine del giorno.

Da non sottovalutare anche l’importanza del servizio clienti. Oggi l’assistenza è ciò che fa la differenza tra le poker room online, gioco-forza abbastanza tutte simili le une alle altre. Chi riesce a garantire un servizio clienti aperto 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, raggiungibile via email, chat dal vivo o telefono, spesso ottiene un vantaggio competitivo incolmabile rispetto agli altri.

Ovviamente per organizzare una poker room online non possono mancare anche i dirigenti. Serve infatti chi prenda le decisioni, chi gestisca il mercato e chi – naturalmente – paghi di tasca propria tutte le spese che servono a tenere aperta una poker room online.

E per quanto riguarda il marketing? Non esiste attività imprenditoriale senza un po’ di sana pubblicità. Un buon ufficio marketing spesso è lo spartiacque tra una sala da poker come tante altre e una sala di successo: diffondere il brand il più possibile permette infatti di acquisire nuovi clienti e fidelizzare quelli già esistenti.

liquidita condivisa

Volete aprire poker room online? Pensateci bene!

Se aprire poker room online è ancora nei vostri desideri, nonostante tutte queste difficoltà, significa che siete risoluti. Ma vi invitiamo a pensarci bene perché c’è qualcosa che forse non avete ancora considerato: l’apertura della liquidità condivisa.

Prima di organizzare una poker room online di vostra proprietà, dunque, vi consigliamo di aspettare magari qualche mese. A breve, infatti, dovrebbe aprire il cosiddetto poker.eu, cioè la possibilità di giocare non solo contro player residenti in Italia (come la legge oggi ci impone, e impone ai proprietari delle poker room online), ma anche e soprattutto contro player di altri Paesi.

Negli anni scorsi, esponenti di Italia, Francia, Spagna, Portogallo e anche Regno Unito si sono incontrati per gettare le basi per l’apertura della liquidità condivisa, una mossa che permetterebbe di allargare il bacino di utenza e risolvere così tutti i problemi che un mercato segregato può comportare – come per l’appunto la mancanza di giocatori, fattore endemico dopo che il boom del poker online si è sgonfiato.

Perché vi consigliamo di aspettare? Perché potrebbe benissimo cambiare anche il sistema di assegnazione delle licenze. Vista la maggiore concorrenza, i prezzi potrebbero anche diminuire e dunque da qui ai prossimi mesi potrebbe essere più conveniente cercare di aprire una nuova poker room online.

A onor del vero, potrebbe anche essere vero il contrario. Cioè potrebbe scattare il ragionamento secondo il quale i potenziali maggiori margini di profitto (visto che il bacino di utenza si moltiplicherebbe) porteranno ad aumentare il prezzo di ingresso nel mercato. Insomma, dipende un po’ da voi: se amate il rischio o se preferite andare sul sicuro.

Non dimenticare di visitare i nostri siti di poker room per trovare tutte le informazioni necessarie a giocare in complete tranquillità!

Condividi:

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti

Bloggers
Battle of Malta: il Blog Ufficiale

Battle of Malta: il Blog Ufficiale

Benvenuti sul Blog Ufficiale del torneo Battle of Malta 2012 organizzato da PokerListings.

Ultimi posts Pagina di  
WSOP Il Blog (semi) Ufficiale delle World Series

WSOP Il Blog (semi) Ufficiale delle World Series

Scopri tutti i segreti e i retroscena delle delle World Series of Poker con il blog esclusivo di Po
Ultimi posts Pagina di  
Il Blog di Leo Margets

Il Blog di Leo Margets

La giocatrice spagnola Leo Margets ci racconta la sua esperienza in prima persona dai tavoli dei

Ultimi posts Pagina di Leo Margets