Chi vince oggi? Un heads-up WSOP leggendario tra Joe Cada e Darvin Moon

Cada Moon wsop

Nel 2009, il ventiduenne americano Joe Cada divenne campione del mondo sfidando nel finale il giocatore amatoriale Darvin Moon.

Potrebbe considerarsi uno dei tavoli finali più spettacolari dell'ultima decade per quanto riguarda il Main Event delle World Series of Poker.

Per Joe Cada giovane giocatore il successo arrivò davvero in fretta. Basti pensare che fino a quel momento giocava online da quando aveva 16 anni.

Con una mamma croupier di blackjack e un padre impegnato all'interno dell'industria automobilistica, il ragazzo comprese rapidamente quanto il poker potesse essere il modo migliore per guadagnarsi il denaro per vivere.

Tutt’a un’altra storia quella di Darvin Moon, finito quasi per caso a giocare il Main Event e con nessun background nel poker online.

Moon è proprietario di un’azienda e anche dopo aver incassato 5 milioni niente sembra essere cambiato nella sua vita privata.

 

Joa Cada dopo le WSOP 2009

Joe Cada riuscì a tener duro e a mantenersi vivo nel mondo del poker. La sua collezione di posizionamenti a premio durante le WSOP di quell'anno (3) sarebbe aumentata da quel momento in poi.

Prima dell'inizio delle WSOP 2016, le sue statistiche mostrano diversi posizionamenti a premio, includendo 5 tavoli finali (con un secondo posto nel 2012) e 2 vittorie.

Cada wsop
Cada alla vittoria del suo secondo braccialetto WSOP nel 2014

Cada riuscì ad aggiudicarsi un altro braccialetto nel 2014, partecipando all'evento 10k No-Limit Hold’em 6-handed Championship.

Una vittoria ancora più impressionante dato che al tavolo finale erano presenti giocatori di grande talento come lo svedese Martin Jacobson, Erick Lindgren, Dario Sammartino e George Danzer!

I suoi risultati sono da considerarsi meno impressionanti, se si dà uno sguardo agli altri circuiti. Cada è infatti riuscito ad arrivare a premio solamente due volte all'interno del circuito EPT (con un ottimo 11º posto a San Remo nel 2011).

Invece gli porta particolarmente fortuna il circuito Heartland Poker Tour, dove è riuscito a concludere 5 volte a premio con tre tavoli finali dal 2013.

Al di fuori del poker, nel 2011 Joe Cada decise di aprire con suo padre un bar chiamato Cada’s Poker & Sports Grill, vicino alla sua città natale nel Michigan.

"Il poker non è fortuna. È un gioco di abilità e matematica e chiunque dovrebbe essere libero di giocarlo quando vuole"

Cada sostenne spesso la legalizzazione del poker e la dichiarazione qui sopra risale a una sua famosa intervista col Time.

 

Darvin Moon dopo le WSOP 2009

La sua natura discreta lo portò a rifiutare qualsiasi sponsorizzazione durante il torneo che lo rese celebre. Solamente nel 2011 decise di firmare un contratto con l'Heartland Poker Tour.

darvin moon moglie
Darvin e sua moglie vivono nella stessa casa e non hanno mollato il lavoro

In generale, riuscì ad andare a premio otto volte (una volta solamente sopra i 10,000$) secondo la sua pagina HendonMob, tre di questi piazzamenti all'interno dell'Heartland Poker Tour.

Il giocatore preferisce le piccole partite di poker tra amici, nonostante abbia preso parte anche al National Heads-up Championship Nel 2010.

Anche il denaro vinto durante il Main Event non cambiò realmente la sua vita. Un anno dopo, Darvin e sua moglie Wendy vivevano ancora nella stessa casa continuando con i loro consueti lavori.

Nulla cambiò nemmeno nei due anni successivi, come raccontato sulle nostre pagine nel 2012, e all'interno di un'intervista per CardPlayer:

“Se rimpiango di essere finito secondo? Come puoi lamentarti una volta che hai vinto 5,2 milioni di dollari?”

Continuo a fare quello che ero abituato a fare: giocare un po' a poker e godermi la vita. Continuo a lavorare nella foresta”

“Non ho rinunciato alla mia azienda. Quelle persone mi hanno dato da mangiare per 25 anni, come avrei potuto mollare tutto?!!”

 

joe cada vittoria

Chi vince la sfida del tempo?

Darvin Moon, al momento cinquantaduenne, seguì la stessa traiettoria di molte meteore del poker: quella di un giocatore anonimo che tornò all'anonimato.

L'indole discreta di Darvin Moon non lo rende il miglior ambasciatore possibile per il poker, ma la sua saggezza meriterebbe certamente un palcoscenico più ampio.

Se parliamo di risultati allora il vincitore era e resta Joe Cada che ha aggiunto un altro paio di milioni di dollari alle sue vincite nel poker e un altro braccialetto WSOP di cui potersi vantare.


Curiosità sui due player

  • Darvin Moon al momento del tavolo finale non possedeva un computer proprio né tanto meno l'accesso a Internet, dichiarò inoltre di non aver mai giocato online.
  • Moon si guadagnò lo spazio per partecipare al Main Event durante un satellite da 130$. Per poco non decise di incassare il buy-in da 10.000$ e non partecipare all'evento.
  • Nonostante Cada provenga da una famiglia di amanti del gioco, i suoi genitori non hanno mai pienamente approvato la sua scelta di farne un lavoro a tempo pieno.
  • Joe è un amante di showball, uno sport molto simile al calcetto in cui la palla però non esce mai fuori campo e può esser fatta rimbalzare sulle pareti.

 

Il tavolo finale in 5 Momenti

Quando al tavolo restarono solo tre giocatori, il francese Antoine Saout, qualificato online attraverso Everest Poker, stava quasi per prendere il comando e (probabilmente) avviarsi alla vittoria.

Però dopo una grande rincorsa e tornando in vita dall'oltretomba (nella fase iniziale del tavolo finale scese infatti ad avere solamente cinque bui*), Joe Cada sfruttò la sua incredibile fortuna durante due mani cruciali che ebbero un impatto fatale sul torneo del francese.

Darvin Moon iniziò invece il tavolo finale da chip leader, dopo aver giocato in modo ottimale durante tutto il torneo. Tra le sue vittime impossibile non ricordare l'eliminazione di Phil Ivey, anche se con un po' di fortuna.

Arrivato all'heads-up finale si trovava a rincorrere il suo avversario, con 58,85 milioni di chip contro i 135,95 milioni di chip per Joe Cada.

In ogni caso Moon dimostrò la sua forza riuscendo a riprendere la chiplead prima di perdere gran parte del suo stack a causa di un bluff non riuscito.

Durante la mano numero 88 dell'heads-up, dovette cedere le armi con Q♦ J♦ vs 9♦ 9♣.

E Joe Cada venne incoronato campione del mondo 2009:

(1) Joe Cada scende a 5 bui: 52’00
(2) Darvin Moon elimina Phil Ivey: 1h03’30
(3) Joe Cada è fortunato contro Antoine Saout: 1h31’15
(4) Joe Cada elimina Antoine Saout: 1h34’20
(5) La mano finale: 1h57’00

 

Tutti gli articoli della Serie:

Joe Cada VS Darvin Moon

Carlos Mortensen VS Dewey Tomko

Greg Raymer VS David Williams

Chris Ferguson VS T.J. Cloutier

Martin Jacobson VS Felix Stephensen

 

 

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti