Bob Stupak: tra poker, scommesse e grandi progetti falliti

Condividi:
6 marzo 2015, Scritto da: PokerListings.it
Postato su: Dentro PokerListings
Bob Stupak: tra poker, scommesse e grandi progetti falliti

Bob Stupak nacque nel 1944 nella città industriale di Pittsburgh. La sua famiglia guadagnava da vivere organizzando tornei di giochi d'azzardo, in particolare craps.

Suo padre Chester era un personaggio importante del settore a Pittsburgh fino al 1991, di conseguenza, Stupak imparò a conoscere il gioco d'azzardo molto presto nella sua vita.

Abbandonati gli studi si dedicò a molte improbabili professioni tra cui quella di cantante facendosi chiamare "Bobby Star". Produsse otto singoli, ma poi la sua casa discografica rinunciò al progetto.

Così, il "polacco Maverick" si dedicò ad altro e diventò un pilota professionista di corse di moto, ed ottenne anche ottimi risultati prima che un brutto incidente gli provocasse la frattura di entrambe le gambe.  Anni dopo, la sua passione per le moto quasi gli costò la vita.

Nei suoi primi 20 anni, Stupak voltò le spalle l'America e cercò la sua fortuna in Australia. Si sposò ben due volte e iniziò un piccolo business, ma di successo, che però non era abbastanza visto che il suo casinò ideale doveva essere a Las Vegas.

I primi passi a Las Vegas

BobStupak 2

Fu così che si trasferì a Sin City nel 1971, e dopo aver messo da parte un po’ di soldi grazie alla sua attività e a qualche prestito, comprò un pezzo di terra di un parcheggio.

A distanza di tre anni nel 1974, aprì il "World Famous Gambling Museum di Bob Stupak", un museo dedicato al gambling che in realtà divenne famoso grazie al fatto che il titolo fosse più lungo dell’edificio stesso! Nemmeno due mesi dopo la grande apertura, l'intero edificio prese fuoco e fu raso al suolo.

Stupak prese allora in prestito un altro milione di dollari e aprì il suo casinò, in una zona con un alto tasso di criminalità. Tutti pensarono che non aveva alcuna possibilità. Ma Stupak era un brillante marketer e rese appetibile la sua sala da gioco introducendo giochi mai visti prima come  la Roulette Polacca, Craps Crapless, Double Exposure 21, ed Experto.

Inoltre il casinò accettava scommesse e Bob si assicurava che ci fossero grandi vittorie per i client così da fidelizzarli e da far girare buone voci sul suo casino. Infine la sua ultima e più rivoluzionaria idea fu quella di creare dei pacchetti di offerte per attirare anche i giocatori di fascia media.

Si assicurava anche di creare biglietti da visita e collezionare indirizzi di posta per poter mandare le sue ultime offerte. Queste innovative tecniche di advertising funzionario cosi bene che Stupak riuscì a trasformare il suo resort da 100 camere con casinò in un impero a 1000 stanze da oltre 100 milioni di dollari.

Un discreto poker player

Stratosphere Tower
La Stratosphere Tower: il progetto più fallimentare
 

Il suo business girava così bene che Stupak decise intanto di dedicarsi ad uno dei giochi che lo appassionavano di più, il poker.  Assunse anche Puggy Pearson come allenatore, e riuscì a vincere un braccialetto WSOP nel 1989. 14 anni più tardi ha anche raggiunto il tavolo finale del WPT LA Classics.

La fama raggiunta nel poker gli permise di estendere ulteriormente i suoi business e nel 1983 organizzò un evento di poker chiamato " America’s Cup ".

Un’altra delle sue geniali idee gli venne in seguito ad un viaggio a Sidney in cui pagò 5 dollari per raggiungere il tetto di una torre da cui godere della vista dell’intera città. Non ci volle molto prima che, tornato a Las Vegas, Stupak partorisse il progetto della “Stratosphere Tower”, l’edificio più alto mai realizzato a Sin City costatogli qualcosa come 200 milioni di dollari.

Non solo il progetto si rivelò un disastro economico ma da li a poco nel 1993  i suoi affari iniziarono a scemare e un quasi fatale incidente in moto con il figlio lo ridusse in fin di vita.

Il ricovero e la ripresa furono lentissime e ai danni subiti si unì la leucemia che lo spense nel 2009.

 

Condividi:

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti

Bloggers
Battle of Malta: il Blog Ufficiale

Battle of Malta: il Blog Ufficiale

Benvenuti sul Blog Ufficiale del torneo Battle of Malta 2012 organizzato da PokerListings.

Ultimi posts Pagina di  
WSOP Il Blog (semi) Ufficiale delle World Series

WSOP Il Blog (semi) Ufficiale delle World Series

Scopri tutti i segreti e i retroscena delle delle World Series of Poker con il blog esclusivo di Po
Ultimi posts Pagina di  
Il Blog di Leo Margets

Il Blog di Leo Margets

La giocatrice spagnola Leo Margets ci racconta la sua esperienza in prima persona dai tavoli dei

Ultimi posts Pagina di Leo Margets