Bluff e dissimulazione: quanto il poker è utile nella vita reale?

bluff poker

La capacità di dissimulare e bluffare propria dei giocatori di poker diviene un’arma utile in molti settori della vita quotidiana cosi come nella politica

Alla voce “dissimulazione” il dizionario Devoto Oli riporta: “Comportamento diretto a celare il proprio pensiero o le proprie intenzioni e ad allontanare da sè ogni benché minimo sospetto”. Com’è noto, si tratta di una qualità molto ricercata tra i pokeristi: proprio i tornei di questo gioco sono considerati una situazione emblematica dagli studiosi che si occupano di comportamento umano (l’etologo inglese Desmond Morris dedicò alle World series of poker alcune pagine del suo libro “L’animale uomo”).  

“Teoricamente, più impassibile sei, meglio è” ha affermato il professionista Max Pescatori intervistato dal giornalista Pif nel corso di una puntata del programma di Mtv “Il Testimone” dedicata al mondo del poker. Durante un colloquio di lavoro, un appuntamento galante o con gli amici: in quali situazioni della vita si rivela proficuo avere una “faccia da poker”? 

“Spiacenti siamo pieni”. Ma è una bugia

Pescatori, per esempio, ha riferito a Pif che le sue abilità di pokerista gli hanno consentito di capire quando gli impiegati di un hotel “bluffavano” dicendogli che tutte le stanze erano occupate, anche se in realtà non era così. “Anche con la fidanzata diventa un problema” ha detto Pescatori.

 

Katchalov Boeree

Il poker aiuta nel mondo del lavoro: i consigli della coppia Katchalov / Boeree

Eugene Katchalov ha investito in diverse aziende contemporaneamente, mentre Liv Boeree è profondamente coinvolta nell’organizzazione benefica Raising for Effective Giving (REG).
"Una delle più importanti lezioni del poker  è come affrontare perdite", dice Katchalov. "Tutti perdono a un certo punto, anche se non hanno fatto niente di sbagliato."

"La stessa cosa può accadere nel mondo degli affari. Anche se si lavora giorno e notte, si può ancora fallire. Il poker ti dimostra che questo non significa necessariamente che è colpa tua. "
"Penso che, nel poker in realtà è meglio se si inizia come un perdente, perché allora si apprezzano davvero le vincite."
"I giocatori che vincono da subito spesso cadono a pezzi quando iniziano a perdere."
Liv Boeree ha effettivamente un approccio molto diverso alla questione "solo perché qualcosa funziona, non significa che hai fatto tutto giusto. Se funziona un bluff, non significa necessariamente che hai fatto le scelte migliori. Se qualcun altro ha successo, non significa che se si segue la stessa direzione si avrà successo”.

Valore atteso

La laureata in Astro-fisica ed ex vincitrice dell'EPT Sanremo ha voluto anche sottolineare come “valore” e “soldi” non sempre coincidono e come la matematica gioca un ruolo importante in qualsiasi forma di business.
"E' un luogo comune, ma il poker o altri giochi non sono una questione di denaro.  C'è sempre un modo per trovare una qualche forma di quantificazione, e questo può ancora aiutare in qualsiasi altra attività e non solo nel gioco.”

"Anche nella beneficienza la matematica è coinvolta” continua Boeree “quello che molti non capiscono è la differenza tra efficienza ed efficacia. Immaginate una organizzazione A di carità che investe l'80% del denaro nella sua amministrazione e il 20% nel salvare vite umane, e una B che mette il 20% in amministrazione e l'80% in salvare vite umane. "
"L'organizzazione A riesce a salvare 100 vite con i suoi soldi e l'organizzazione B salva solo dieci vite."
"Quello che stiamo vedendo qui è un’organizzazione che è più efficiente, mentre l'altra è più efficace. E per chi vuole dare soldi in beneficenza, è importante capire che se li danno all'organizzazione A, stanno negando a 90 persone di avere salva la vita. "

Bluff e semi-bluff

Torquato Accetto

Il bluff è la massima espressione dell’arte dissimulatoria nel poker. I teorici hanno identificato diversi modi di utilizzare questa tecnica. Nella sua accezione più comune, il bluff  viene utilizzato per far credere all’avversario di avere carte forti quando in realtà si ha poco o nulla in mano, ma può avvenire anche il contrario (mostrarsi deboli senza esserlo effettivamente). Può inoltre essere proficuo bluffare nelle fasi iniziali di gioco, quando il costo delle puntate è più basso. La tecnica del semi-bluff, infine, consente di vincere sia se l’avversario decide di abbandonare che di reggere il gioco nel caso qualcuno volesse vedere le carte.

La dissimulazione onesta

Torquato Accetto, filosofo e scrittore italiano, scrisse nella prima metà del ‘600 il libro “Della dissimulazione onesta”, opera nella quale rivaluta questo atteggiamento che si differenzia dalla comune menzogna e che consente di difendersi in un ambiente sociale ostile.

Dissimulazioni... saffiche

Per Lady Gaga, almeno secondo il testo della sua canzone “Poker face”,  la dissimulazione è una qualità che si rivela proficua anche nel campo amoroso, in quanto consente a una donna di stare con un uomo e allo stesso tempo concedersi fantasie saffiche. D’altra parte, soprattutto in tempi passati, diversi omosessuali e bisessuali hanno dovuto dissimulare le loro preferenze. Ancora in tema di omosessualità, qualche tempo fa hanno suscitato alcune polemica le dichiarazioni su Twitter di Barry Greenstein il quale, parafrasando le parole del suo presidente Barak Obama in tema di diritti civili dei gay ha scritto: “Perché non dice che anche i giocatori di poker dovrebbero avere diritto alla loro libertà personale?”.

Tornei “vietati” alle donne?

Vanessa Selbst si è lamentata con i direttori di alcuni tornei di poker per competizioni che a suo dire erano precluse alle donne. Gli organizzatori si sarebbero dimostrati disponibili nei confronti della Selbst, ma qualcuno sui blog ha sostenuto che dissimulassero le loro reali intenzioni.

Il semi-bluff e la Guerra del Golfo

george bush

George Epstein “The Engineer” nel 2002 ha scritto un articolo nel quale paragonava la politica del presidente George W. Bush in Iraq alla strategia pokeristica.Come Harry Truman, anche George W. Bush potrebbe essere un buon giocatore di poker – aveva scritto Epstein -.  Mike Caro ha ribadito in più occasioni che il gioco del poker è un microcosmo di vita. Per essere un giocatore di poker vincente bisogna avere abilità (anche la fortuna aiuta).

Saddam Hussein è un uomo malvagio: ha continuato a sviluppare armi chimiche e biologiche di distruzione di massa e sembra che sia interessato anche alle armi nucleari. Ha anche fatto capire che avrebbe utilizzato tutti i mezzi a sua disposizione nel caso questi fossero stati adeguati ai suoi scopi (successivi accertamenti, in realtà, hanno evidenziato come i governanti abbiano deliberatamente esagerato su questo punto allo scopo di giustificare l’attacco militare, ndr).

Come potrebbe il presidente Bush affrontare al meglio questa situazione?”. Per una strategia di poker vincente, spiega sempre “The Engineer”, è necessario sapere fin dall’inizio quanto si vuole vincere: l’obbiettivo di Bush, in questo caso, era assicurarsi che l’Iraq non avesse armi di distruzione di massa. E per raggiungere il suo scopo avrebbe adottato la tecnica del semi-bluff: “come in un bluff, potrebbe portare gli avversari a foldare, e se questi non abbandonassero il gioco avrebbe comunque la carta vincente”.  

Palesando l’intenzione di dichiarare guerra all’Iraq, cosa che peraltro ha effettivamente poi messo in atto, l’allora presidente stelle e strisce avrebbe adottato la strategia del semi-bluff.Hussein è una calling station – riporta uno dei commenti al post -. Anche se non rilancia, rimane ad aspettare fino al river”.

Il senatore si gioca la reputazione

Un anno fa il senatore repubblicano John Mc Caine, in forza allo stesso partito di Bush, è stato fotografato mentre giocava a poker online con il suo Iphone durante una riunione. Nel corso dell’incontro gli Stati Uniti stavano valutando l’utilizzo della forza militare per risolvere la crisi in Siria.

 

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti

×

Sorry, this room is not available in your country.

Please try the best alternative which is available for your location:

Close and visit page