La Prima Volta Che Ho Incontrato il Poker

Condividi:
7 maggio 2009, Scritto da: PokerListings.it
Postato su: Dentro PokerListings
La Prima Volta Che Ho Incontrato il Poker
Dalle feste con parenti da spennare alla prima PostePay svuotata dalla fretta di vincere: cronaca di un amore possibile

Nato con la "camicia" nel lontano 23 aprile 1982 a Roma, sono cresciuto come gran parte dei miei coetanei emulando calciatori nel campetto sotto casa o ipnotizzato davanti alla tv guardando cartoni

Ma c'era qualcosa che mi distingueva da gran parte dei miei coetanei: il fascino delle carte da gioco. Non disdegnavo mai una partitina scopa o briscola che fosse, ero sempre pronto a dar battaglia a suon di "smazzate".
Aspettavo frenetico il Natale per poter arrotondare la paghetta a spese dei malcapitati parenti che capitassero sotto tiro.

Così non fu molto difficile scoprire l'esistenza di un gioco chiamato poker.
La prima volta che lo incontrai fu a casa di un amico che era stato "iniziato" dallo zio.
È stato amore a prima vista.

Vinsi subito circa 23 mila lire, investendone poco meno della metà. Fortuna del principiante, mi dissero.
E non mi ci volle molto per capire che avevano ragione.
Ma nonostante le sconfitte successive, il mio cuore continuò a battere per il panno verde e quel mazzo da 52 carte.

Ma preso da altre attività quali studio, sport, amici ed AS Roma misi nel dimenticatoio quel gioco tanto bello quanto "pericoloso".

Assopita ma mai sparita, la passione scoppiò di nuovo dopo la visione del film the rounders, questa volta sotto forma di texas hold'em.Costrinsi i miei amici a tornare intorno ad un tavolo verde per soddisfare quella passione, quella voglia di tornare indietro, quella voglia di conoscere qualcosa di nuovo.

E siccome gli amici attorno al tavolo mi sembrava non bastassero mai, decisi di aprirmi verso I nuovi orizzonti dell'on line.

Sembrava più facile seduto di fronte ad un PC perchè di certo potevo mascherare quelle emozioni che giocano un ruolo molto importante in questo gioco. La curiosità prese il sopravvento sui dubbi e le incertezze ed il 31 agosto 2007 fu il battesimo del fuoco.

Decisi di provare il passo. 50 euro sulla postepay nuova di zecca e via. Inizia la nuova avventura: download di titan poker su consiglio di PokerListings, adrenalina a mille, postepay a zero in mezza giornata.

Alt! Cosi non va, rischi di perdere tutti i risparmi. Rifletti, informati, ricerca: studia.

Cominciai a rovistare il web tra i mille siti che parlano di poker, conobbi un mondo fantastico fatto di mille sfaccettature, un puzzle composto da tanti pezzi che cominciai a mettere insieme: statistica, matematica, psicologia ma soprattutto tanta, tanta pazienza.

Capii l'importanza del bankroll, come gestirlo e come mantenerlo per venire incontro alle fluttuazioni negative delle sessioni nel breve periodo.

AK batte 22 il 49% delle volte, le mani premium arrivano una ogni venti volte, probabilità di scale e colori. Pian piano masticavo sempre più il gergo pokeristico. Ma in assoluto ricordo la prima e più importante regola del poker -calcola sempre tutte le possibilità- ripresa dal film di Jhon Dhal

Ho passato giornate studiando libri di economia e divorando libri di poker nel tempo libero. Giocavo poco a livelli bassi perché capivo sempre di più l'importanza di assimilare concetti, trucchi, strategie e quant'altro.

Ad ottobre il primo grande risultato: prima posizione in un torneo da un dollaro dove metto in fila 800 persone circa. $ 400 in tasca e un iniezione di fiducia per il futuro.

Ma la vittoria mi annebbia la vista e mi allontana dai libri, convinto di aver recepito abbastanza per abbandonare la teoria. Mai errore fu più grande. I risultati non si ripetono e vivo molti mesi nell'anonimato. Qualche dollaro in attivo, niente più.

"Gli amici si vedono nel momento del bisogno" e supportato dal mio compagno di avventure Alessandro che mi ha sostenuto in questa passione mi ributto a capofitto in quella teoria che mi ero lasciato alle spalle. Insieme acquistiamo altri libri , studiamo ci confrontiamo ed ecco che i risultati ritornano a farsi vedere. Tavoli finali in MTT e sessioni di SnG positive si susseguono, fino ad arrivare all'avvento del poker on line in italia con gioco digitale.

Qui il punto di rottura. Da novembre inanello una serie di sessioni positive fino ad arrivare al mio risultato più grande. Il 18 gennaio arrivo secondo nel Sunday master della domenica mettendo in fila altre 800 persone circa e la speranza vera che forse potrà essere più di un hobby.

Continuando a studiare ed assimilare sempre più strategie, è ovvio.

Condividi:

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Daniele 2009-09-06 16:31:53

Qui...foldo :D

...cmq grazie

Alessia da Padova 2009-09-05 15:13:04

E sei anche carino.
Complimenti.

Daniele Giussani 2009-05-17 21:22:30

Ciao M.,
sono contento che i miei articoli ti abbiano colpito e ti ringrazio.

Il mio non è un pensiero, è un dato di fatto.

Premessa: restringo innanzitutto l'argomento alla variante del poker "texas hold'em". E' di questo che parlo nel post e di NESSUN altro gioco di carte. Ci sono una serie di concatenazioni (strategie, posizioni, mani di partenza, statistiche etc etc) che portano questo gioco ad essere a tutti gli effetti uno skill game (ossia di abilità).

Detto questo parliamo della fortuna.
Ho in mente di dedicare all'argomento un intero post.
Per ora "accontentati" di queste poche parole.
La fortuna può farti vincere 1, 10 o 50 tornei, ma nel lungo periodo (in cifre più o meno 7/8mila tornei) il suo "indice di sopravvivenza" scende a zero. Se hai acquisito una strategia ottimale e credi nelle tue qualità puoi tranquillamente voltargli le spalle. Basterà la tua testa e il tuo intuito a farti risultare vincente.

E se le carte non escono...tranquillo. Ti stanno aspettando al prossimo torneo ;)

Faschi M. 2009-05-15 19:04:54

Sto leggendo con piacere i tuoi articoli e questo in particolare mi ha colpito. Tu sostieni un pensiero forse troppo pericoloso e avventato, ovvero che il gioco delle carte (poker in questo caso) è basato su una scienza e sullo studio e non sulla fortuna, si sà da che è mondo è mondo se le carte non escono...

Bloggers
Battle of Malta: il Blog Ufficiale

Battle of Malta: il Blog Ufficiale

Benvenuti sul Blog Ufficiale del torneo Battle of Malta 2012 organizzato da PokerListings.

Ultimi posts Pagina di  
WSOP Il Blog (semi) Ufficiale delle World Series

WSOP Il Blog (semi) Ufficiale delle World Series

Scopri tutti i segreti e i retroscena delle delle World Series of Poker con il blog esclusivo di Po
Ultimi posts Pagina di  
Il Blog di Leo Margets

Il Blog di Leo Margets

La giocatrice spagnola Leo Margets ci racconta la sua esperienza in prima persona dai tavoli dei

Ultimi posts Pagina di Leo Margets