Battle of Malta, ecco i motivi dell’ennesimo successo

successo bom 2016

Mentre altri circuiti fanno fatica, il Battle of Malta continua a crescere nei numeri e nei consensi, per tutta una serie di motivi.

Si è appena conclusa la quinta edizione del Battle of Malta, con la vittoria nel Main Event da parte di Robert Berglund, al quale sono andati i 160.000 euro di primo premio.

Un Main Event che ha fatto registrare 1.813 entry, superando il record dell’anno scorso – quando furono 1.804.

Anche quest’anno, il Battle of Malta è stato un successo in termini di fredde cifre, ma anche di critica e pubblico. Analizzando i dati, salta all’occhio come il BoM sia andato in crescendo in tutte e cinque le sue edizioni.

 

Battle of Malta: i numeri dell’ascesa

Il primo Main Event attirò infatti 349 ingressi, mentre l’anno dopo furono più del doppio: 888. Due anni fa il primo vero boom con 1.447 entry e un primo premio che per la prima volta superò i 100.000 euro.

 

grandmaster giocatori BOM
Ancora una volta una folla di giocatori al Portomaso

 

Il Battle of Malta 2015, poi, andò oltre ogni più rosea aspettativa, salendo vertiginosamente fino a 1.804 iscrizioni, record come detto lievitato a 1.813 quest’anno – con solamente il Day 1A leggermente meno partecipato rispetto all’anno precedente.

Numeri che fanno riflettere, per un torneo da 550 euro, vista la situazione in cui versa il poker live, dove i grossi eventi (in termini di buy-in) spesso fanno fatica ad attirare i giocatori, nonostante la promessa di premi molto allettanti.

 

I motivi del successo

Come sottolineato anche da diversi giocatori, per esempio Salvatore Bonavena,   che durante il BoM ci ha dichiarato: “Tornei come il Battle of Malta sono il futuro del poker live”, la formula di un evento low buy-in è quella che meglio si adatta alle esigenze dei giocatori di oggi.

 

Salvatore Bonavena bom 2016
"Questo è il futuro del poker live!"

 

Costi contenuti, pur con premi di un certo livello (160.000 euro per il vincitore di un torneo da 550 non sono certo pochi), e la possibilità di godere di tante altre ‘attrazioni’ che esulano dal semplice poker giocato – e in questo, sicuramente un’isola come Malta dà una grossa mano, con la sua ricca night life e un clima gradevolissimo anche in autunno inoltrato.

 

Non solo poker al BOM

 

Il Battle of Malta, infatti, non è soltanto poker: sì, c’è stato il Main Event e ci sono stati tanti Side di successo (come il Siege e l’High Roller, ad esempio), ma ci sono state anche feste a tema, il karaoke con Maria Ho e diversi stand per intrattenere giocatori e curiosi (come ad esempio quello dedicato alla Playstation).

 

maria birra bom
Maria Ho è una garanzia di successo

 

L’organizzazione fa la forza

Dalla sua, il Battle of Malta ha anche il fatto che si tratta di un evento che si gioca una volta l’anno. Sotto diversi punti di vista, questo è un grosso vantaggio.

 

staff bom 2016
LA squadra del BOM al completo

 

L’organizzazione del BoM successivo comincia praticamente appena finisce il precedente.

Questo dà modo agli organizzatori e allo staff di valutare i risultati ottenuti, di proporre nuove idee, di apportare eventuali modifiche, con tutto il tempo e la calma a disposizione. E i risultati di un intero anno di lavoro sono sotto gli occhi di tutti.

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti

×

Sorry, this room is not available in your country.

Please try the best alternative which is available for your location:

Close and visit page