Barry Greenstein "Hitler ha avuto più rispetto nella scalata al potere di quanto ne abbia Trump"

Greenstein trump hitler

Il “Robin Hood del Poker” a ruota libera sul ritorno del poker online, Donald Trump, Hitler e le elezioni, la religione e la pornografia.

Barry Greenstein, meglio noto come il "Robin Hood del Poker" per la sua abitudine di donare in beneficienza ciò che vince nei tornei, è stato uno dei giocatori più famosi e presenti durante il boom del poker.

Ha pure giocato uno dei piatti più grossi mai visti in tv.

Ma Greenstein è principalmente un giocatore di cash game, e attualmente è tornato a frequentare i suoi club di Los Angeles, nell'assolata California, quello che viene definito come il probabile punto di partenza per il prossimo boom del poker made in USA.

Qualche giorno prima dell'inizio delle primarie, tuttavia, il poker non è l'unica cosa a cui Greenstein sta pensando.

Il ritorno del poker online

"Prima o poi tornerà, ma ho sbagliato ogni volta che pensavo fosse il momento. Pensavo ci avremmo messo di meno.

Sono andato a Washington personalmente a parlare con 40 diversi politici, per spingere il poker. Fu principalmente tra il 2007 e il 2008.

C'erano sia Repubblicani sia Democratici, e tutti erano d'accordo con me. Pensavo di aver fatto centro.

Tutti apprezzavano il fatto che il poker creasse benessere economico. Nessuno voleva votare contro, ma poi sono successe cose come la guerra in Iraq.

Per gran parte degli ultimi dieci anni, il Congresso è stato accusato di non aver fatto niente, che è più o meno la verità.

Hanno avuto paura: dato che non stavano facendo nulla a parte una guerra fallita, un'invasione fallita e un'economia pessima, temevano che la gente si sarebbe ribellata se si fossero occupati di una legge sul poker online".

Durante le elezioni i politici non difendono nessuna causa

Barry Greenstein 2
Se parlassero della legge sul poker, gli avversari potrebbero usarla a loro danno

"Persino ora, tanti politici in America pensano che il loro lavoro principale sia assicurarsi che l'altro partito non combini nulla. Non fanno altro che bloccarsi a vicenda, non gli importa di cosa si tratti. Ci sono un sacco di leggi che potrebbero passare, ma non lo fanno.

Il nostro sistema è così incasinato ora da non riuscire a combinare nulla. Una cosa assurda. Il poker online è solo un tema, e molte persone pensano che non sia importante.

Per un po' ho pensato che sarebbe tornato all'inizio del 2016, e almeno ora se ne parla su base statale, ma di nuovo ecco le elezioni. In questi periodi tutti i politici nel nostro paese fanno di tutto solo per ottenere voti e soldi per le loro campagne.

Non gli importa della legislatura, gli importa solo di essere rieletti, e c'è sempre la possibilità che se parlassero della legge sul poker, gli avversari potrebbero usarla a loro danno. Potrebbero toglierla dal contesto e dire che c'è chi vuole far giocare d'azzardo gli americani, parlando di tutte le cose brutte che capitano nel gambling.

Lo hanno pure legato ai terroristi che ci riciclano il denaro. Si inventano queste cose, tipiche della retorica di Donald Trump, e tanta gente pensa "eh, sarà vero".

I politici hanno paura di legarsi a qualcosa per la quale possono essere attaccati. Non fa differenza quale partito sia al potere. Quando parli ai singoli politici è difficile dire a quale partito appartengano. Cambia solo quando si muovono in gruppi. Tutti quelli con cui ho parlato erano a favore del poker. Tutti giocano a poker. La cosa è ridicola".

I principi americani sono stati traditi 

"Una volta ho scritto un Tweet su quanto sia triste che i veterani di guerra che amano giocare a poker non possano più farlo a casa propria, ma debbano trasferirsi in paesi liberi come Russia e Cina.

Faccio solo questi due esempi perché erano nemici durante la Guerra Fredda: questi veterani lottavano quando erano ragazzini o giovani, per la nostra libertà, e ora non viviamo in un paese libero. Che cosa triste.

Qualcuno può pensare 'cosa c'entra la libertà col poker online?', ma per esempio il partito Repubblicano parla della necessità di un governo più ristretto e di interferire meno con la vita della gente".

Quindi quando parlo ai Repubblicani dico che spetta a loro. Sei il partito che non vuole interferire con la vita della gente o sei il partito che 'non vuole interferire con la vita della gente a meno che questo interferisca con ciò che vogliamo noi, allora prendiamo il controllo e decidiamo noi'.

Non c'è una vera scusa per interferire con ciò che fa la gente nel suo privato e che naturalmente non influisce sulle vite altrui.

Quando l'America si è staccata dall'Europa, lo ha fatto principalmente perché non voleva che un re gli dicesse cosa fare. La nostra Nazione si è fondata su questo. La libertà personale di fare ciò che vuoi a patto di non far del male ad altri.

Questo è ciò che i paesi di tutto il mondo devono tenere a mente. Il poker sarà una cosa marginale, ma rappresenta bene come ormai non seguiamo più questi principi.

Questo paese non è più quello di un tempo. Altri paesi come quelli scandinavi stanno facendo molto meglio nel prendersi cura della gente. Avranno tasse più alte, ma la gente che ci vive è felice".

D. Trump – il favorito dei Democratici alle elezioni

donald trump
"Trump non ha alcuna chance di diventare presidente"

"Donald Trump non ha alcuna chance di diventare presidente. È una cosa semplicemente matematica. Non puoi vincere le elezioni alienando così tanta gente come ha fatto lui: ispanici, asiatici, donne e così via.

Vorrei puntare contro la vittoria di Trump. La cosa divertente è che alcuni dicono che i Democratici hanno paura di lui. I Democratici non vorrebbero altro che vedere Trump vincere. Conosco Democratici che vogliono lavorare per lui per farlo rimanere in auge.

Non solo hanno capito che è ineleggibile, ma anche che può distruggere l'intero Partito Repubblicano.

Persino il suo stesso partito lo considera un personaggio non desiderabile. Alcuni amano paragonare Trump ad Adolf Hitler, ma per me è più una versione americana di Kim Jong-Un".

Assurdità - Trump, Hitler e Kim Jong-Un

"Dice tutte queste cose ridicole, che sono quasi tutte completamente non vere, ma fa conto sugli elettori ignoranti, non informati e xenofobi. Se non hai avuto una certa educazione, magari non sai che ogni paese del mondo che ha problemi economici incolpa altra gente.

In tutto il mondo i politici incolpano i vicini che rubano posti di lavoro. Nel nostro paese, alcuni dei problemi si dice siano causati dagli immigrati illegali messicani.

Ma se non ci fossero loro, il prezzo dell'aranciata probabilmente triplicherebbe. In realtà aiutano la nostra economia, tutti gli studi lo dimostrano.

Questa gente vuole lavorare sul serio. Prendono i lavori che gli americani non vogliono fare. Se andassero via di colpo, una parte significativa della nostra economia collasserebbe.

Persino Donald Trump assume un sacco di immigrati messicani illegali, per esempio nell'industria delle costruzioni. Tanto per fare un esempio di quanto Trump sia impreciso.

O prendete i cinesi, i cui prodotti Trump vuole tassare pesantemente. Ovviamente non ha detto agli americani che così facendo il prossimo iPhone non costerà $600 ma $2.000. Tutte queste persone che attacca, accettano lavori mal pagati che mantengono bassi i costi dei prodotti per i consumatori americani.

wsop 13 barry greenstein 3
Persino Donald Trump assume un sacco di immigrati messicani illegali

Gli immigrati che abbiamo sono forse gli americani più patriottici. Arrivano da posti in cui non vengono trattati bene, spesso da situazioni di vita o di morte.

Oppure non avevano possibilità di trovare un lavoro. Arrivano in America per lavorare e supportare le famiglie: sono i loro figli che poi daranno la loro vita nelle guerre, per noi. Sono decisamente patriottici.

Guardate le cose ridicole che abbiamo fatto con la reclusione dei giapponesi durante la Seconda Guerra Mondiale. Quella è una delle cose che vuole Trump, una di quelle cose che abbiamo fatto malissimo ma che lui cerca di far passare come positive.

Non andò bene, ma anche i giapponesi-americani furono molto patriottici. Abbiamo questo modo di attaccare la gente più patriottica, una cosa assurda.

Tutto questo serve a mantenere ignoranti gli elettori. Non a caso una cosa che i politici hanno fatto bene è tagliare i fondi per l'educazione.

L'America aveva il sistema scolastico migliore al mondo quando ero giovane, e ora sono riusciti a mantenere la popolazione quanto più ignorante possibile, in modo che possano dire le cose più assurde senza che nessuno sappia se sono vere o meno.

È divertente vedere come queste due cose lavorano insieme: mantenere la popolazione ignorante e poter così dire tutte le bugie che si vogliono.

In realtà siamo tutti immigrati, a parte i Nativi Americani che erano qui per primi. Magari loro sono d'accordo con Trump che dovremmo sbarazzarci di tutti gli immigrati, di cui lui fa parte.

Lui è un tedesco e suo padre fu arrestato per aver frequentato il Ku Klux Klan, che ha un bel legame con Hitler. I suoi due libri preferiti sono la Bibbia e il "Mein Kampf", di cui ha una copia sul comodino: questo è il suo libro preferito.

La differenza tra Trump e Hitler è che Hitler è stato davvero votato, Trump non lo è mai stato. Hitler si è fatto da solo, Trump ha iniziato coi soldi del padre. In un certo senso, Hitler ha avuto più rispetto nella scalata al potere di quanto ne abbia Trump. Trump ha il voto dei misogini e del Ku Klux Klan alle spalle, tutto qui".

È una commedia!

"Ho incontrato personalmente Donald Trump al campo da golf Trump National di Palos Verdes, dove abito, circa dieci anni fa, durante il boom del poker.

Stavo parlando col manager del campo, grande appassionato di poker. Trump si avvicina e indica i fiori blu e rosa vicino al campo. "Più fiori blu", dice al manager. "Togliete un po' dei rosa". Poi se ne va, e il manager mi dice: "L'ultima volta che è stato qui voleva più fiori rosa".

Quel giorno pensai che Trump fosse senile, ed eccoci qui, dieci anni di senilità dopo, che si candida per la Presidenza.

Molte persone non sanno che in realtà è la sesta volta che ci prova. Probabilmente lui è il più sorpreso di tutti stavolta che ha un certo seguito, e penso che lo abbia perché è quello con più capacità da intrattenitore.

I media lo hanno spinto al top. Voglio dire, tutti leggono le storie su Trump. Persino io!

Lui è come un comico, tipo Don Rickles e Joan Rivers, che prendono la gente dal pubblico e la deridono. Li conosce entrambi tra l'altro, e Joan Rivers era una sua amica.

Trump dice le stesse cose che direbbero loro. È una commedia! Ed è divertente, davvero. Alcune persone ora dicono che non è più divertente perché lo prendono sul serio, ma non dovrebbero.

adolf hitler
"La differenza tra Trump e Hitler è che Hitler è stato davvero votato"

Non sarà mai eletto, fa solo divertire. Ovviamente è un idiota. Gli piace andare in giro a dire che è intelligente, quando è sempre il più scemo di turno. Non è ricco come dice, né chiaramente così intelligente.

Come se Einstein andasse in giro a dire che era intelligente. La gente intelligente non lo va in giro a dire. È un tell (ride, ndr). In realtà tifo perché sia il candidato repubblicano. Non lo faccio contro il partito, dato che sono forse più un indipendente.

Ma il nostro sistema è andato a farsi benedire, i nostri politici non fanno nulla, magari ci vuole uno come Trump per affossare uno dei partiti principali e cominciare a sistemare davvero.

Abbiamo bisogno di un reset del sistema. Il resto dei politici non fa altro che mantenere lo status quo, quindi magari ne uscirà qualcosa di buono da tutto ciò. Quasi tutti gli altri sono politici "comprati", quindi tutto ciò che dicono lo fanno per accontentare chi ha contribuito alla loro campagna".

La storia riscritta

Alla fine della fiera, il nostro Paese si basa su principi molto solidi. Quasi 250 anni fa, quei principi erano così forti che i nostri padri fondatori crearono davvero un gran Paese.

E ora, la gente sta cercando di cambiare il loro messaggio. Persino i nostri libri di storia vengono riscritti, ed è una cosa che fa paura.

Prendete un argomento come la religione. Tante persone ora pensano che i nostri fondatori fondarono un paese cristiano.

La maggior parte oggi sarà cristiana, ma chiunque abbia studiato sa che i fondatori erano tutti deisti (cioè che credevano in dio, ma non in un'organizzazione religiosa), o atei (cioè non credevano in nulla).

C'era uno solo che si considerava un religioso, non vorrei dire una sciocchezza ma mi pare fosse John Jay.

 (NdR: Wikipedia segnala Patrick Henry, John Jay e  Samuel Adams come cristiani praticanti)

La verità è che stavano scappando dalla religione! Ma furono davvero intelligenti e scrissero con parole loro in modo che nessuno potesse controllare ciò che le altre persone avrebbero pensato.

Non volevano controllare la religione, ma non erano gente religiosa. Alcuni intellettuali credevano in Dio, ma non nella Chiesa, dato che non faceva altro che cercare di guadagnare soldi e proprietà".

Il porno? Meglio del televangelismo

Abbiamo anche noi la nostra generazione di bugiardi religiosi, e si chiamano "televangelisti". Penso che robe del genere non dovrebbero passare in televisione. Semplicemente rubano soldi ai più anziani.

Se dovessi scegliere di far vedere della pornografia o del televangelismo a mio figlio, credo sceglierei la pornografia.

Magari si può fare un po' di educazione sessuale, ma il televangelismo è orribile! So che abbiamo dei religiosi davvero bravi, ma quando qualcuno cerca di fare soldi con la religione, questa è una truffa.

Il problema con la religione, che abbiamo sempre avuto, è che non la usiamo per diventare persone migliori, ma la usiamo contro altre persone.

Socrate fu imprigionato 2.500 anni fa perché non credeva negli dei del suo tempo. Oggi, non avrebbe creduto all'ignoranza della gente.

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti