Attore, regista e giocatore di poker: la vita da film di Nick Cassavetes

cassavetes vita

Oggi come in passato, tante personalità del mondo dello spettacolo sono state attratte dalle partite di poker high stakes: tra loro anche l’attore e regista Nick Cassavetes.

Figlio del celebre cineasta di origini greche John (1929-1989), dietro la macchina da presa Cassavetes jr ha diretto, tra gli altri, “Le pagine della nostra vita”, “Alpha dog” e “La custode di mia sorella”, mentre come attore ha recitato in “Face/Off – Due facce di un assassino” e “La moglie dell’astronauta”. In un episodio della serie tv americana “Entourage” lo si vede proprio impegnato in una partita di poker.

Un successo dietro l’altro

Come pokerista Nick Cassavetes può vantare diversi piazzamenti a premio conseguiti tra il 2005 e il 2014. Nel 2005, in particolare, il 93esimo posto al Main Event delle World Series of Poker gli fruttò quasi 78mila dollari.

L’anno seguente il regista statunitense arrivò secondo e 65esimo allo “Sports of Kings” e al “World Poker Tour”, portandosi a casa rispettivamente 34mila e 500 e 12mila e 500 dollari.

Nella primavera del 2014 Nick Cassavetes ha nuovamente fatto tappa alle Wsop prendendo parte all’evento$ 1,500 No Limit Hold'em - Millionaire Maker”, che gli ha fatto guadagnare 6mila e 300 dollari.

 

Nick Cassavetes con esfandiari

L’intervista a Pokerlistings

Proprio in occasione delle Wsop è stato intervistato da Pokerlistings in merito alla particolare predilezione che a suo dire avrebbero le star di Hollywood per le partite high-stakes.

Parlando più in generale della diffusione della quale ha goduto questo gioco negli ultimi anni, anche Cassavetes è concorde sull’importanza che hanno avuto le telecamere nascoste, in grado di riprendere le carte coperte.

Ai divi piace giocare forte

Prima di approdare al poker, ha raccontato lo stesso cineasta a PL, “ho giocato a bridge, gin rummy e backgammon. (All’epoca, ndr) non sapevo nemmeno cosa fosse il poker”.

Per quanto riguarda invece il poker, ha riferito l’attore “avevo giocato solo qualche volta con gruppi sparuti di persone. Il mio primo torneo è stato il Main Event nel 2000”. Da allora, Cassavetes si dedica con costanza a questa sua passione.

 

Nick Cassavetes

 

Ci siamo trovati tante volte a Los Angeles – ha proseguito -. alla gente piace giocare forte. A me per primo”.

Ciononostante, afferma il divo di Hollywood “non è la mia vita”. Anche in questo settore, secondo il cineasta, “c’è infatti una notevole differenza tra professionisti e dilettanti, più di quanto si possa comunemente pensare”.

Strascichi legali

Ma al di là degli aspetti ludici di questa passione, i debiti di gioco secondo il sito Tmz avrebbero portato qualche tempo fa Cassavetes a intentare causa contro l’ex amico e uomo d’affari Kevin Washington.

Quest’ultimo avrebbe infatti consegnato al regista un assegno di 72mila e 600 dollari a copertura di un debito di gioco, bloccandolo però subito dopo.

L’amicizia con Dan Bilzerian

La passione per il poker ha legato Cassavetes anche all’eccentrico milionario Dan Bilzerian, oltre che ad altre celebrità di Hollywood.

 

Nick Cassavetes Stills

 

E dalla descrizione che ne fa, il cineasta dimostra di conoscere piuttosto bene il compagno di partite Bilzerian, al quale nel 2014 ha anche dedicato un cameo nel film da lui diretto “Tutte contro lui”.

Bilzerian viene infatti descritto da Cassavetes come un tipo “impenitente” e dalla personalità energica, desideroso di vivere sempre sotto qualche tipo di stimolo.

“Ridateci i nostri soldi”

Alcune partite high stakes alle quali presero parte Bilzerian e Cassavetes videro anche la partecipazione di altri attori come Tobey Maguire e di Bradley Ruderman, operatore finanziario finito dietro le sbarre in seguito a una serie di truffe.

Dopo l’incriminazione di Ruderman, i legali di alcuni investitori da lui truffati fecero causa alle star chiedendo la restituzione delle somme vinte a Ruderman durante queste partite. 

 

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti