Arriva PokerMapper, il “rilevatore di stanchezza” per il Poker Online

rilevatore stanchezza

Ci metteremmo al volante dopo una notte di bagordi? La risposta è scontata: per guidare un’auto bisogna avere la testa sulle spalle. Lo stesso si può dire di un giocatore di poker online, il quale rischia di dilapidare il suo patrimonio nell’arco di poco tempo.

Alcuni veicoli prevedono sistemi di rilevamento della stanchezza o della presenza di alcol nel sangue. “Perché non esiste nulla per il gioco su Internet?” si sono chiesti gli ideatori di PokerMapper, progetto nato da una collaborazione tra le università di Milano Bicocca e Dalarna (Svezia).

Lo scopo di PokerMapper, spiegano gli organizzatori sul sito che promuove l’iniziativa, è mettere a punto test semplici e veloci che consentano “di misurare il livello delle funzioni esecutive del cervello di un giocatore prima che questi si metta al tavolo verde (virtuale).

Cosa si intende per funzioni esecutive?

Riccardo Reina dell’agenzia Asiweb, media partner dell’iniziativa, rimanda alla definizione fornita dall’Enciclopedia Treccani: “In neuropsicologia e in psicologia cognitiva, le funzioni corticali superiori deputate al controllo e alla pianificazione del comportamento”. Il progetto rientra nell’ambito di una ricerca più lunga e ambiziosa denominata ‘Seafrog’ che è ancora in attesa di finanziamento da parte di Svenska Spel, l’operatore pubblico che in Svezia si occupa di gioco d’azzardo – spiega il giornalista -.

asking questions

Quest’ultima porterà allo sviluppo di un’applicazione software che consenta di fornire al giocatore un feedback sullo stato delle proprie funzioni esecutive, allo scopo di giocare consapevolmente ed evitando rischi non calcolati”.

La ricerca

La ricerca ha coinvolto e continua a coinvolgere decine di giocatori online dai 18 ai 70 anni e alcuni concorrenti “dal vivo” reclutati presso il casinò di Campione d’Italia. Per partecipare è necessario aver giocato negli ultimi tre mesi migliaia di mani a “Hold’em no limit” e a “Omaha pot limit” e vivere o lavorare vicino a Milano. “Quest’ultimo vincolo, in realtà, è stato posto per questioni logistiche – precisa Reina -.

Il progetto prevede infatti che quaranta persone selezionate online vengano invitate all’Università Bicocca per essere sottoposte a una batteria di test neuropsicologici della durata di tre ore. Abbiamo già avuto l’occasione di somministrare alcuni test in loco durante l’Italian Poker Open 18, svoltosi a metà aprile a Campione”.

I partecipanti ai test neuropsicologici, per i quali è previsto un rimborso forfettario di 50 euro, sono invitati a cimentarsi con test sulle funzioni esecutive sotto la supervisione di uno psicologo."

Il questionario online

Gabriele Lepore

Nel questionario online, invece, viene richiesto di indicare lo storico delle mani giocate. Si passa quindi a quesiti il cui scopo è accertare se il budget stanziato per il poker online è adeguato alle proprie possibilità economiche e l’eventuale presenza di patologie, riscontrabili attraverso un eccessivo accanimento nel gioco.

Molti quesiti fanno riferimento alle abitudini di vita dell’utente per quanto riguarda gli ultimi dodici mesi e al suo stato emotivo quando gioca online. Le informazioni raccolte attraverso il questionario su Internet sono gestite dalla società svedese Nordforce, specializzata nel trattamento informatico dei dati clinici. “Per l’elaborazione dei dati vengono utilizzati i software R e SPSS”  spiega Reina. Il gruppo di ricerca è formato dai professori di Statistica e Psicologia Matteo Pelagatti e Paolo Cherubini, e da Jerker Westin e Mauro Schiavella dell’università di Dalarna: Westin è docente di Ingegneria Informatica, mentre Schiavella è psicoterapeuta e ricercatore.

Di recente si è aggiunto alla squadra anche Gabriele Lepore, giocatore professionista del team Sisal Poker. “In questa fase stiamo ancora raccogliendo i dati, per la fine di agosto avremo un quadro più completo” afferma Reina.

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Zio 2015-05-14 11:13:12

Sinceramente nel poker sarebbe più utile un calcolatore per la fortuna XD

Compare 2015-05-14 11:12:11

un progetto interessante che in realtà sarebbe utile anche in situazioni diverse dal poker quando c'è bisogno di essere davvero in forma, mentalmente parlando