Ancora poker per Annie Duke nonostante gli scandali?

annie duke ultimate

Dopo due anni di assenza dalla scena del poker e tutti gli scandali che hanno letteralmente affondato la sua carriera, la Duke è tornata al tavolo verde.

È successo in occasione del Jewish National Fund’s 7th Annual Poker Tournament a Philadelphia lo scorso 27 febbraio, e molti ora parlano di un suo possibile ritorno ai tavoli Verdi.

"Il poker è uno dei pochi sport dove una donna può competere totalmente in piena parità con gli uomini": sosteneva  Annie Duke, che di uomini al tavolo ne ha affrontati e scofitti parecchi.

Siamo abituati a parlare di grandi giocatori di poker, raramente di grandi giocatrici. La Duke ci permette di raccontare una storia di poker tutta al femminile, fatta di “grandi alti” ma, negli ultimi anni, anche di grandi scandali che l’hanno coinvolta, fino a farla sparire.

Ma andiamo con ordine: la soprannominata “Duchessa del Pokerha iniziato nel 1994 a giocare sotto l’esempio dei genitori e del fratello. Da quel momento solo successi per lei, culminati con la vittoria di un braccialetto WSOP nel 2004 in un evento Omaha con una vincita di $137,860.

La Duke è la giocatrice che vanta il maggior numero di piazzamenti a premi nelle World Series of Poker (ben 38 in totale) e un totale di $4,270,549 vinti in eventi live fino al 2011.

Annie Duke vittorie

Innumerevoli le sue presenze ai final table di eventi internazionali con ben 7 primi piazzamenti, e una leggendaria vittoria del National Heads-Up Poker Championship, che le fruttò $500,000oltre al record di prima donna ad aver vinto la manifestazione. 

Ma Annie è anche un esempio di capacità femminile nel gestire al meglio “casa e famiglia”: il gioco, l’attività lavorativa, lo studio e la vita privata.

 

I mille volti della Duchessa

Oltre alle vittorie nel poker, la Duchessa ha conseguito due lauree e un “quasi dottorato”, ha quattro figli, ed è autrice di libri (ricordiamo Deal Me In, raccolta di storie e aneddoti sul poker scritta in collaborazione con Phill Helmuth).

È stata inoltre poker coach di giocatori vip come Ben Affleck e Matt Damon e ha sempre svolto un’intensa attività filantropica, culminata con l’ideazione dell’ Ante Up for Africa, insieme a Don Cheadle, un torneo benefico destinato alle celebrità.

Andava forte anche in televisione, tanto che la NBC americana qualche anno fa ha creato una sit-com ispirata alla sua vita: quella di una madre di famiglia campionessa di poker.

Annie Duke in televisione

La serie All-in ebbe un discreto successo, cosi come lo show televisivo da lei stessa creato, Annie Duke Takes on the World, in cui sfidava in diretta giocatori amatoriali di poker.

Ma non finisce qui la sua forza mediatica, che l’ha vista come prima personalità del poker ad apparire nel famoso show satirico The Colbert Report nel 2006, e in veste di attrice in due episodi della acclamata serie tv Numb3ers.

Insomma, senza troppi giri di parole, fino al 2011 la Duchessa era la donna più adulata e desiderata del circuito internazionale del poker. Poi cosa è successo?

 

Lo scandalo del Black Friday e il crack dell’Epic Poker League

Lo scandalo del Black Friday che nell’aprile di quell’anno ha portato l’FBI alla chiusura e al sequestro delle poker room online più famose a livello mondiale, l’ha risucchiata, trascinandola nel gioco di accuse insieme al fratello Howard.

Se avessi saputo quello che ora so su UltimateBet.com non avrei mai incoraggiato nessuno a giocare su quella piattaforma”.

Sono esterrefatta dinnanzi alla lista di crimini commessi da queste persone e vorrei solo non aver mai lavorato con loro”.

la duke al processo

Queste sono solo alcune delle dichiarazioni rilasciate da Annie che ha sempre negato il suo coinvolgimento e la sua colpevolezza.

Ad affondarla definitivamente il crack della Epic Poker League  di cui la Duke era commissario tecnico.

A febbraio del 2012 gli organizzatori della famosa EPL dichiararono bancarotta con dediti superiori ai 5 milioni di dollari.

Una vera e propria debacle, insomma. Del fratello si sono perse le tracce e molti grinder hanno protestato di fronte a una sua possibile presenza al Casinò Bellagio di Las Vegas.

i successi della duchessa

La Duchessa è tornata sulle scene del poker solo pochi giorni fa doppo tutti i grandi successi collezionati in carriera,  ma per il momento però, un “vero ritorno” ai tavoli verdi sembra improbabile.

Tuttavia mai dire mai, soprattutto quando c’è di mezzo una donna dalle mille risorse come Annie Duke, che non ci dispiacerebbe gustare in un heads up con l’attuale regina del poker Vanessa Selbst.

 

 

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti