Alex Gomes: "Spero Che Vedremo Giocare Presto Neymar In Un Evento Ept"

Alex Gomes 4

Gomes al momento ha tre volte i guadagni del giocatore in seconda posizione - Bruno Politano - che è riuscito ad arrivare quest'anno al WSOP Main Event November Nine.

Oggi l'ex giocatore professionista di PokerStars gira il mondo principalmente per business, ma si ferma a volte per il festival pokeristici più importanti come per esempio l'evento di Praga della scorsa settimana.

PokerListings ha intervistato il poker ironman brasiliano riguardo al successo del mercato pokeristico nel suo paese, la sua ricerca della Triple Crown del poker e ovviamente riguardo alle difficoltà del calcio brasiliano.

 

PokerListings: Alex, il rappresentante del poker più importante in Brasile sembra essere "Il Fenomeno“ Ronaldo in questo momento. Questo incide sulla scena pokeristica brasiliana?

Alex Gomes: Ovviamente. Il Brasile è una nazione calcistica e Ronaldo è stato uno degli ambasciatori principali della coppa del mondo.

Come ogni altra stella dello sport rappresentante del poker è restato particolarmente impressionato da tornei come l'EPT.

La sua credibilità è quello che lo rende importante agli occhi del pubblico. E questo ha avuto un effetto molto forte sulla popolarità del poker.

 

PL: Più della notizia di Neymar che giocava a poker durante la semifinale della coppa del mondo quando il Brasile è stato eliminato?

AG: (risate). Spero che vedremo presto Neymar giocare a un evento EPT.

Ronaldo non sta giocando a calcio, ma Neymar è una grande attrazione per i media brasiliani ogni giorno.

Neyman che partecipa a un evento EPT sarebbe di gran lunga più importante per il pubblico brasiliano dell'apparizione di Ronaldo in pubblicità relative al poker.

 

Alex Gomes

PL: Tra il 2008 e il 2011 hai rappresentato il poker in Brasile. Sei ancora di gran lunga primo nella classifica dei guadagni di tutti i tempi per quanto riguarda i giocatori brasiliani. Perché non sei più un PokerStars Pro?

AG: Si è trattato di una decisione presa ai tempi da entrambe le parti. Tre anni fa sono diventato padre per la prima volta e mi sono dedicato completamente alla mia famiglia.

Ho inoltre aperto una compagnia nel campo delle costruzioni e le mie intenzioni non erano realmente compatibili con gli obiettivi di PokerStars e di quello che richiedevano da un rappresentante attivo. Dovevo viaggiare a tutti gli eventi LAPT e alla maggior parte degli eventi EPT. Questo non era più possibile. Mi sono realmente goduto il mio periodo con PokerStars. Ma i tempi stanno cambiando.

 

PL: Il Brasile è un grande mercato in rapida crescita. Credi che PokerStars abbia una buona strategia di marketing?

AG: Hanno ancora una buona strategia di lavoro in Brasile. Le Brazilian Series of Poker (BSOP) sono molto popolari e stanno vivendo in questo momento la loro nona stagione continuato a battere i record.

Il BSOP Millions è una specie di grand final che si svolge a Sao Paulo ogni anno. Attrae oltre 2700 partecipanti nel corso di tre settimane.

Il vincitore può vincere oltre 1 milione di Real (€315.000/$380.000) per un buy-in che vale meno di 1,000€.

 

PL: Provieni da Curitiba, una città nel lontano sud del Brasile. Il poker è popolare anche nelle regioni più povere del Nord della nazione o si tratta di un gioco solo per persone ricche?

AG: Il poker è popolare in qualsiasi luogo. Per esempio le BSOP ha una tappa anche in una città del nord come Natal.

Ai brasiliani piace giocare a poker. Questo vale per tutta la nazione.

 

PL: Tutte le città più grandi hanno casinò?

AG: No, non esiste un singolo casinò in Brasile. I casinò sono illegali. Ma è possibile acquistare una licenza speciale per gestire dei tornei dal vivo.

 

PL: Anche Chris Moneymaker ha preso parte al BSOP Millions. Ci ha detto che i giocatori in Brasile hanno uno stile completamente differente rispetto ai giocatori europei o statunitensi.

AG: Si, stavo parlando con lui qui a Praga ed era ancora sconvolto riguardo alla sua eliminazione. I suoi Assi sono stati battuti da KQ ed è finito 21º.

In ogni caso un ottimo successo visto che hanno partecipato 2700 giocatori. Lui ha ragione, ho sentito parlare molto spesso del fatto che il campo di giocatori in America Latina sia generalmente più abbordabile rispetto a Europa e Stati Uniti.

Anche il fatto che si giochi in modo differente, dei rilanci pre-flop ,di 8x, 9x non sono così inusuali. Ci sono moltissimi giocatori amatoriali all'interno dei tornei. E a loro piace divertirsi.

Chris Moneymaker lo ha appena vissuto in prima persona (risate)

 

PL: Quanto è importante il poker nella tua vita di tutti i giorni? Sei diventato un giocatore occasionale di poker?

AG: Gioco molto di meno rispetto a quanto era abituato. Però gioco ovviamente i maggiori eventi della domenica e a volte anche il Super Tuesday.

Ogni giorno gioco alcuni tavoli cash game Limit e PLO. E questo è praticamente tutto.

 

PL: Hai già vinto un titolo WPT e WSOP. Quanto ti piacerebbe vincere un titolo EPT per ottenere la Triple Crown?

AG: Mi piacerebbe molto ottenere la Triple Crown. Lo vedo come uno dei più grandi successi che un giocatore di poker possa ottenere.

 

PL: E quando indosserai nuovamente la maglietta del Brasile? Non sembra essere così popolare in questo momento?

AG: (risate). Hai ragione. Non si vedono molte magliette nemmeno in Brasile.

Ma la Triple Crown potrebbe farmi dimenticare la ferita causata dalla coppa del mondo.

 

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti