Alessio Isaia Trionfa all'IPT di Sanremo!

Dopo un grande heads up con Alioscia Oliva, il pro di Full Tilt conquista una grande vittoria in una serata di poker di altissimo livello

Non sarà probabilmente la maniera più ortodossa per cominciare un articolo ma le prime parole dopo il final table dell'IPT di Sanremo organizzato da PokerStars non possono non essere un sentito ringraziamento a chi, esprimendo le proprie qualità, ci ha regalato una magnifica serata di Texas Hold'em.

Seguita in streaming dalla scrivania ed allietato dal commento del fantastico Alberto grandealba Russo e delle "spalle" che gli hanno fatto compagnia, la conclusione di questo Italian Poker Tour è stata talmente piacevole da farci dimenticare completamente le miserie che il gioco live continua a vivere nel nostro Paese e ricordarci quanto il gioco "giocato" sia infinitamente meglio di quello "parlato".

Fiato alle trombe: iniziano i giochi!

Il final table è incominciato con sei nomi italiani su otto - il Full Tilt Alessio Isaia come chipleader ed il finlandese Riku Koivurinne con uno stack talmente ridotto da designarlo come vittima sacrificale ideale per la prima eliminazione.

Ecco il chipcount iniziale:

Seat 1 - Alioscia Oliva - 468.000
Seat 2 - Giorgio Salemi - 249.000
Seat 3 - Stefano Puccilli - 903.000
Seat 4 - Gerardo Muro - 514.000
Seat 5 - Jori Petteri Joukhimainen - 841.000
Seat 6 - Tania Scremin - 619.000
Seat 7 - Alessio Isaia - 1.771.000
Seat 8 - Riku Koivurinne - 95.000

Come prevedibile è proprio Koivurinne a cadere per primo in uno scontro contro l'altro finlandese al tavolo, il giovane cappellone Joukhimainen che,  grazie ad un 7-7 batte l'AJ del connazionale che torna a casa con una comunque ottima ottava posizione ed un assegno da 13.000€.

Poco meno di due ore di gioco e Tania Scremin, la prima donna ad essersi mai accomodata al tavolo finale di un IPT, è costretta a lasciare il tavolo sotto i colpi di un Alessio Isaia fino a quel momento concentrato ad imporre la sua leadership sulla partita.

Il pro di FullTilt decide di chiamare il reraise all in della Scremin scoprendo un AQ che viene reso imbattibile da una nuova Q al turn e che non lascia scampo all'A6 della giocatrice alla quale, comunque, vanno i nostro più sentiti complimenti per le abilità dimostrate nel corso di tutto il torneo.
Ed ovviamente, complimenti a parte, anche un premio da 16.000€!

La sesta posizione va all'ultimo player straniero ancora in gara, Jori Petteri Joukhimainen, che esce con le ossa rotte da uno scontro contro il muro eretto da Alessio Isaia.

A-10 per l'italiano, JJ del finlandese e speranze di vittoria distrutte da un A malandrino al flop che rispediscono a casa il biondo Joukhimainen con 21.400€ in tasca.

Quinto, dopo una fase di gioco decisamente tecnica, è stato il vincitore della prima tappa dell'Italian Poker Tour 2009, Stefano Puccilli che, dopo essere passato addirittura al ruolo di chipleader del tavolo, ha finto per scontrarsi contro lo schiacciasassi Isaia che ha risposto al suo 77(al flop) con una coppia di 10.

Per Puccilli quindi la gioia di chiudere l'anno in un modo più che positivo e di portare a casa un assegno da 42.500€.

Dopo la pausa cena, arriva il turno di salutare l'IPT anche per Giorgio Salemi che - come se fosse una novità - non riesce a superare l'ostacolo Isaia che con 44-22 batte il 77 di Salemi e gli "regala" la quarta posizione insieme ad un assegno da 42.500€.

Lo sfidante di Isaia per l'heads up finale viene fuori da un testa a testa tra Alioscia Oliva e Gerardo Muro che esce in terza posizione con un premio partita di 58.000€ per colpa di un K9 battuti dall'AJ di Oliva.

L'heads up finale vede dunque Alioscia "mano legittima" Oliva -  da molti giudicato come il migliore player italiano negli heads up- e l'incredible pro di Full Tilt Poker Alessio Isaia giocare per oltre un'ora e mezza con frequenti cambi di leadership e mani nelle quali nulla è lasciato al caso.

Il momento clou arriva quando i due si lanciano in una sfida micidiale che Isaia non si lascia sfuggire (88+8 al board) e che manda in frantumi il bankroll di un Oliva che mostra "solamente" un K7.

Una mano di gioco ancora ed Isaia si prende il titolo di campione grazie ad un A 10 contro il 5-9 di Alioscia Oliva che, grazie alla sua prestazione, mette in bacheca un assegno da bemn 93mila euro.

Al nuovo campione IPT Alessio Isaia invece vanno la picca del torneo, i complimenti di tutta l'Italia ed i 140.000€ di premio finale.

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti